Chiudi il pezzo e ogni sera finisci dietro un bancone. Niente di meglio per provare a capire (un po’) il mondo. La signora che ha dimenticato di comprare il pane, il ragazzo che ha voglia di una birra. E il ragazzo che si ricorda di comprare il pane, e la signora che non dimentica mai di bersi una birra.

Chi cerca relax dopo una giornata di fatica, chi un lavoro non ce l’ha e lo cerca, chi ce l’ha e non lo sopporta, chi non ha nessuna intenzione di trovarlo. Coppie che scoppiano, amicizie che nascono. E poi quelli che vedono Berlusconi perfino nel fondo di un bicchiere e quelli che la politica non gliela devi nemmeno nominare. È così che capita che la seconda vita diventi il sale della prima. Se le ascolti bene, le chiacchiere da bar ti spiegano un bel pezzo di questo malandato Paese. E non è raro che servano a tirarsi un po’ su.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Gran Pretagna e il Buono

prev
Articolo Successivo

Di comunismo, rotatorie e supermercati

next