Sotto Scacco è il documentario di Udo Gümpel e Marco Lillo che racconta vent’anni di rapporti fra mafia e politica.
Oggi a Palermo comincia la Camera di consiglio in vista della sentenza d’appello per Marcello Dell’Utri  e ilfattoquotidiano.it ha deciso di rimontare e pubblicare tre estratti del film di Gümpel e Lillo.


La prima clip ripercorre alcuni momenti del processo di primo grado contro il senatore del Pdl che l’11 dicembre 2004 è stato condannato a nove anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa.
Quel giorno il Senatore Dell’Utri disse che la sentenza era stata scritta dalla Procura di Palermo e annunciò:“ Sono certo di riuscire a ribaltarla”
Quello che per ora è certo, è che in primo grado la Corte ha accolto in pieno la tesi della Procura secondo cui il rapporto fra Cosa Nostra e il Senatore cominciò ben prima del suo ingresso in politica al fianco di Silvio Berlusconi. Come dice il pm Antonio Ingroia, Dell’Utri è la testa di ponte fra le cosche siciliane e “certi ambienti del mondo finanziario e imprenditoriale milanese”. Una volta entrato in politica, secondo la Procura e secondo i giudici di primo grado, l’esponente dell’allora Forza Italia porta in dote questi suoi rapporti  diventando di fatto il garante degli interessi mafiosi all’interno del partito.
Nelle immagini del processo di primo grado gli autori del documentario riportano anche la celebre deposizione del finanziere Filippo Alberto Rapisarda, uomo dal passato giudiziario burrascoso, ben introdotto nel mondo dei mafiosi palermitani a Milano. Rapisarda racconta che una sera, andando nell’ufficio dell’ex socio Dell’Utri, lo trova in compagnia dei boss Stefano Bontade e Mimmo Teresi mentre riempiono delle sacche di denaro contante. E Berlusconi impartisce direttive al telefono.
Il finanziere non è stato ritenuto affidabile dai giudici, dato il suo comportamento troppo altalenante nei confronti di Dell’Utri e dello stesso Berlusconi: talvolta alleato e talvolta accusatore. Ciò nonostante il Senatore non è riuscito a salvarsi dalla condanna in primo grado per una mole di altre prove.
Domani su ilfattoquotidiano.it gli altri estratti del documentario Sotto Scacco di Gümpel e Lillo.

Guarda il trailer del documentario

Leggi la prima parte del dossier di Gomez e Travaglio (dal Fatto Quotidiano del 09 dicembre 2009)

Leggi la seconda parte del dossier di Gomez e Travaglio (dal Fatto Quotidiano del 10 dicembre 2009)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marcello Dell’Utri e i boss di Cosa Nostra
Dalle agende alle intercettazioni, ecco le prove

prev
Articolo Successivo

Io e Favata

next