/ / di

Paolo Farinella Paolo Farinella

Paolo Farinella

Sacerdote

Il mio nome è Paolo Farinella. Sono prete cattolico, orgoglioso di esserlo ed esercito nella città di Genova, dove sono parroco di una parrocchia antichissima, senza parrocchiani e senza territorio. Sono parroco di confine per chi crede e per chi non crede. Non posso essere Paolo senza essere prete e non posso essere prete senza essere Paolo, cioè prete dal cuore laico che credo sia il più bel regalo di Dio. Ho 63 anni e non rimpiango la giovinezza perché la vita è graduale andare in avanti e in alto. Sono uno studioso della Bibbia con qualche piccola specializzazione in Scienze bibliche e Archeologia. Mi occupo di esegesi nel contesto giudaico. Contrasto il pontificato di Benedetto XVI che ritengo una sciagura per la Chiesa, visto che è solo capace di guardare indietro senza lasciarsi soggiogare dallo Spirito che guarda avanti sulla prospettiva del Regno di Dio. In questi tempi bui, in cui domina il potere perverso della delinquenza organizzata e, orfano di opposizione, mi sono deciso a contrastare e combattere con le armi della dignità, del pensiero e della Parola la peste del berlusconismo che è l’infezione virale che sta uccidendo il nostro Paese e le sue vere radici antropologiche. Leggo il Fatto che ormai resta quasi da solo l’unica Parola che grida nel deserto delle convenienze e degli interessi. Insieme vinceremo ogni attacco alla Democrazia e alla Libertà perché noi siamo motivati da sentimenti di verità e non da interessi inconfessabili. Non sarò presente in modo costante, ma sarò della compagnia senza rassegnazione, senza rimpianti, ma con la certezza di servire la Nazione, ma principalmente la mia coscienza che non sarà mai in vendita.

Il mio libro più recente, edito per Il Saggiatore s’intitola Cristo non abita più qui 

www.paolofarinella.eu

Blog di Paolo Farinella

Politica - 21 luglio 2016

G8 di Genova, come il Pd ha affossato l’Italia a 15 anni dalla tragedia

giuliani 675 20 luglio 2016, a Genova e in Italia, per chi non ha perso la memoria, si celebra la gogna e l’umiliazione della legge, della legalità e della dignità, avvenute durante il G8 del 2001, in cui è stato ucciso, complice lo Stato, Carlo Giuliani. Dopo quindici anni nulla è accaduto, ma succede che i poliziotti implicati e i […]
Società - 25 giugno 2016

Brexit, una lezione anche per gli italiani

brexit_675 Con il voto del popolo britannico, nulla è più come prima e non lo sarà neanche in futuro per tutti i Paesi europei (e non), a causa delle conseguenze a catena che la vittoria del «Leave» avrà su ogni aspetto della vita. Le persone non si rendono conto dello sfacelo economico che è già iniziato, […]
Elezioni Amministrative 2016 - 21 giugno 2016

Ballottaggi 2016, ora per rottamare del tutto Renzi votate ‘no’ al referendum costituzionale

elezioni 675 Quando le piazze di Roma e Torino, a risultato ormai definitivo, al termine delle amministrative 2016, gridano «Onestà! Onestà!», è il segno che la corruzione è stata protagonista non secondaria delle elezioni, facendo la differenza – un abisso di differenza – tra la vittoria di persone pulite e la sconfitta del Pd (la destra non […]
Elezioni Amministrative 2016 - 19 giugno 2016

Ballottaggi 2016, una richiesta a chi andrà a votare: non scegliete il Pd

boschi_renzi_675 Avevo deciso di non interferire minimamente con le elezioni amministrative, non perché non sono coinvolto direttamente, ma perché non volevo seguire l’esempio dei dissacratori della democrazia che hanno giurato sulla Costituzione e intanto prima di abolirla da incompetenti e assetati di potere, peggio di Berlusconi e Mussolini, la stanno calpestando mentre scrivo. Maria Elena Boschi-Etruria passa […]
Politica - 12 maggio 2016

Unioni civili, il trionfo del ‘meglio legge che niente’. Auguri a chi ha motivo di gioire

scalfarotto-unioni civili-675 Nella votazione del maxiemendamento del governo che ha posto fine alla patologica sceneggiata della legge, mutilata, sulle unioni civili, ancora una volta il Parlamento ha mostrato il lato peggiore di sé, se mai sia esistito, per caso, un lato migliore. In un Paese democratico, il Parlamento si sarebbe riunito a voce sommessa e con rispetto, […]
Politica - 24 aprile 2016

Piercamillo Davigo, come si permette questo marziano di attaccare la politica?

I movimenti sismici si avvertivano da qualche tempo: Piercamillo Davigo, giudice integerrimo e onesto servitore dello Stato, aveva iniziato gettando un macigno all’interno della Magistratura, dando vita a una corrente autonoma perché non soddisfatto della sudditanza della propria corrente di appartenenza, che si definiva moderata, cioè silenziosa davanti al potere politico, se non spesso succube. […]
Politica - 17 aprile 2016

Referendum trivelle, tre motivi per votare Sì

Tre motivi per votare Sì al referendum: il primo motivo sta nell’invito del presidente del Consiglio, seguito a ruota dal presidente emerito della Repubblica che protegge il primo come una chioccia, perché hanno commesso un reato e continuano a commetterlo perché violano due leggi in vigore. Ecco il testo. D.P.R. 361 del 30 marzo 1957,“Approvazione […]
Politica - 14 aprile 2016

(Contro) riforma costituzionale: lutto e resistenza ai referendum!

Si avvicina il 25 aprile, festa della Liberazione dal nazi-fascismo e siamo costretti a listare a lutto l’intera giornata, la nostra memoria e anche i nostri timori, divenuti certezze. Martedì 12 aprile 2016 è stato un giorno di lutto e di dolore: con 361 voti a favore, 7 contrari e 260 fuori dall’aula, la (contro) […]
Politica - 30 marzo 2016

Referendum trivelle, votare Sì è un dovere morale

Il governo Renzi è contro il referendum sulle trivelle. Il Pd di Renzi è contro il referendum sulle trivelle. Il referendum è stato voluto da nove regioni governate dal Pd di Renzi. Verrebbe voglia di dire che Renzi è contro Renzi e il Pd contro il Pd, ma ormai nel Pd e in Renzi è […]
Politica - 21 marzo 2016

Referendum trivelle: c’era una volta il Pd, oggi traditore

Mentre scrivo, il calendario cattolico riporta la memoria di San Giuseppe operaio (o piccolo imprenditore, poco importa) e il pensiero corre al film (anno 1971) di Elio Petri “La classe operaia va in paradiso”, musiche di Ennio Morricone e la faccia tragica di Gian Maria Volontè (Lulù) che oggi, con la politica nefasta del Partito (ex)democratico […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×