/ / di

Andrea D'Ambra Andrea D'Ambra

Andrea D'Ambra

Interprete/Traduttore

Interprete, Travel Blogger

Laureato in Scienze politiche con tesi in Diritto dell’Unione europea e in Interpretazione di conferenza e Traduzione presso la Scuola interpreti di Trieste.

Promotore nel 2006 della petizione per l’abolizione dei costi di ricarica che in pochi mesi raggiunge quota 820mila firme online e grazie anche all’intervento da me sollecitato della Commissione europea, e dopo una campagna online di diversi mesi (senza l’aiuto dei social network) porta all’abolizione che rappresentavano un’anomalia tutta italiana che costava agli italiani due miliardi di euro l’anno.

Nel 2007 fondo l’Associazione dei Consumatori “Generazione Attiva”. In tale veste ho denunciato all’Antitrust le innumerevoli pratiche scorrette e/o pubblicità ingannevoli che quotidianamente molestano i consumatori, ottenendo sanzioni per un ammontare totale di diverse centinaia di migliaia di euro. Mi sono tra l’altro fatto promotore di un appello, affinché le multe per questo tipo di pratiche venissero inasprite e calcolate in base al fatturato delle aziende. Appello sottoscritto e condiviso dall’allora presidente dell’Antitrust Catricalà che inserì la proposta nella sua relazione annuale presso la Camera dei Deputati nel giugno di quello stesso anno.

Autore dell’hashtag twitter #celochiedeleuropa e diversi articoli con lo scopo di divulgare un’informazione veritiera sull’Unione europea e sbugiardare i politici che usano quel ritornello per giustificare iniziative assurde ed impopolari mai chieste da Bruxelles.

Ideatore della petizione al Parlamento europeo per una legge europea che stabilisca l’ineleggibilità dei condannati e il divieto di candidature multiple per le stesse persone in più circoscrizioni. In tale veste sono stato invitato al Parlamento europeo dove ho avuto modo di illustrarla e raccogliere adesioni trasversali.

Appassionato di diritto e sensibile alle discriminazioni. Autore della “Guida per l’iscrizione anagrafica dei cittadini europei” che dal 2011 ha aiutato migliaia di cittadini europei a districarsi nel groviglio della burocrazia italiana e conoscere i loro diritti derivanti dalle norme europee e ottenuto il plauso del Presidente dell’associazione degli operatori demografici associati DeA.

Mia la denuncia che ha portato l’Antitrust ha sanzionare nel 2015 con una maxi multa da 15 milioni di euro il cartello degli armatori privati del golfo di Napoli per intesa restrittiva della concorrenza.

Autore di numerose denunce alla Commissione europea che hanno portato all’apertura di diverse procedure d’infrazione, sono un convinto europeista e credo che da questa possa venire molto del cambiamento necessario per il nostro Paese. Sensibile alle tematiche ambientali sono appassionato a tutto ciò che attiene alle nuove tecnologie, amo le lingue.

Scrivo anche su www.andreadambra.eu e condivido i miei racconti di viaggio su www.mapandfork.com

Twitter: @adambra

Blog di Andrea D'Ambra

Zonaeuro - 10 ottobre 2015

Caremar, cessione sotto indagine della Commissione Ue. E’ un aiuto di Stato ai privati?

“La Commissione sta esaminando la privatizzazione di Caremar e la compensazione corrisposta all’acquirente per la gestione dei servizi pubblici per verificarne la conformità con le norme in materia di aiuti di Stato. Bruxelles ha inoltre chiesto chiarimenti alle autorità italiane su una serie di questioni legate alla conformità della legislazione italiana sul cabotaggio marittimo nel […]
Politica - 4 ottobre 2015

Marino e lo scandalo cene. E se imitassimo gli inglesi?

Dopo le polemiche sui numerosi viaggi all’estero di Ignazio Marino e l’accesso dei consiglieri comunali del M5S alla lista delle spese che il sindaco di Roma ha compiuto con la carta di credito a lui intestata ma collegata ai conti del Comune, è emerso che molte di queste sarebbero ingiustificate e non avrebbero alcun legame […]
Zonaeuro - 18 settembre 2015

Parlamento Ue: Farage? No, grazie. Gli eurodeputati M5S preferiscono i Verdi

Tutti ricorderanno il gran clamore della stampa italiana all’indomani delle elezioni europee dello scorso anno in merito all’alleanza del Movimento 5 Stelle con l’Ukip di Nigel Farage. Se è vero che la stragrande maggioranza dell'”informazione” italiana quando si tratta di M5S ne scrive solo allo scopo di denigrarlo è anche vero che in quell’occasione molte delle […]
Mondo - 16 settembre 2015

Jeremy Corbyn, un ‘compagno’ leader di un partito di sinistra? Il suo strano caso

Un “compagno” a capo di un partito di sinistra? Dovrebbe essere una cosa ovvia ma a giudicare dal clamore che ha suscitato (dapprima tra i suoi stessi compagni di partito) prima la sua candidatura da outsider alle primarie e poi la sua schiacciante vittoria (59% dei consensi, più di quanto aveva ottenuto il giovane Blair nel […]
Giustizia & Impunità - 8 settembre 2015

Evasione Iva, la Corte di Giustizia Ue boccia la prescrizione all’italiana

La prescrizione all’italiana è troppo breve e quindi incompatibile con il diritto dell’Unione Europea in quanto comporta la non punibilità dei responsabili di reati e va per questo disapplicata nei processi in corso relativi a frodi Iva. A stabilirlo la Corte di Giustizia dell’Unione Europea che, chiamata a pronunciarsi sulla Causa C-105-14 (Taricco e altri) […]
Zonaeuro - 4 settembre 2015

Parlamento europeo: scegli il tuo eurodeputato e chiedigli ciò che vuoi

Dal prossimo lunedì 7 al giovedì 10 settembre si terrà (come ogni mese) a Strasburgo la sessione plenaria del Parlamento europeo che richiama i 750 europarlamentari che il resto del tempo sono soliti lavorare a Bruxelles. L’istituzione europea ha infatti due sedi come da Trattato, e se il lavoro delle Commissioni si svolge prevalentemente nella capitale […]
Economia & Lobby - 25 agosto 2015

Regione Campania: Caremar in pasto ai suoi concorrenti. Il M5S interroga la Commissione Ue

Poco più di un mese fa il neo-presidente impresentabile della Regione Campania Vincenzo De Luca annunciava fiero “abbiamo risolto un problema che si trascinava da tanti anni, la Caremar” riferendosi alla (ormai ex) compagnia regionale marittima del gruppo Tirrenia, ultimo residuo di trasporto pubblico che rimaneva al golfo di Napoli. Il 16 luglio scorso, infatti, […]
Media & Regime - 18 agosto 2015

Direttiva europea bavaglio: la fine del giornalismo d’inchiesta?

Presto i giornalisti e le loro fonti potrebbero finire in guai seri se rivelano qualcosa che le aziende vogliono mantenere segreto. È l’obiettivo della Direttiva sul segreto aziendale che se approvata metterebbe definitivamente a tacere quei pochi giornalisti d’inchiesta che ancora rimangono nel nostro paese e in Europa. A lanciare l’allarme in Francia è stata “la Milena Gabanelli […]
Cronaca - 31 luglio 2015

Golfo di Napoli: chi viaggia gratis con Alilauro?

Dopo le crociere regalo ad alti ufficiali e magistrati da parte di Nicola D’Abundo armatore di Medmar e la maxi multa Antitrust da quattordici milioni di Euro agli armatori privati per il cartello anti-concorrenziale nel golfo di Napoli viene alla luce un’altra pratica molto discutibile. Stiamo parlando delle cosiddette “tessere di libero percorso” che garantiscono […]
Ambiente & Veleni - 19 luglio 2015

Rifiuti Campania: e se a pagare la maximulta dell’Ue fossero i politici?

Lo scorso 16 luglio la Corte di Giustizia Europea ha condannato l’Italia ad una maxi multa di 20 milioni di Euro più 120.000 euro per ogni giorno di inadempienza per non aver rispettato la sentenza del 10 marzo 2010 della stessa Corte sulla questione dei rifiuti in Campania. Cinque anni fa i giudici europei avevano […]
Volkswagen, quanti fallimenti nella vicenda ‘dieselgate’
Fotovoltaico, Parlamento Ue contro rinnovo dei dazi sui pannelli cinesi. “Riducono i posti di lavoro”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×