/ / di

Bruno Tinti Bruno Tinti

Bruno Tinti

Ex magistrato, giornalista e scrittore italiano

Prima di dedicarmi al giornalismo e alla scrittura di saggi, sono stato magistrato, dal 1967 al 2008. Entro in magistratura pochi giorni dopo aver compiuto 25 anni e prendo subito servizio a Torino. Dopo qualche anno in Tribunale, divengo prima Giudice Istruttore e poi Sostituto Procuratore della Repubblica, ruolo che ho continuato a svolgere fino a quando ho lasciato la magistratura; dal 1990 al 1995 sono Procuratore della Repubblica a Ivrea; dal 1995 al 2008 Procuratore aggiunto a Torino.

Nel 1982 comincio a occuparmi di reati tributari, societari e fallimentari; ho coltivato questa specializzazione per tutta la mia vita professionale e, come procuratore aggiunto, sono stato a capo del pool specializzato in diritto penale dell’economia. In questo settore mi sono occupato di indagini di rilevante spessore; tra queste quelle relative al caso “Telekom Serbia”, che manda assolti esponenti di vertice della sinistra italiana (Romano Prodi, Lamberto Dini, Piero Fassino).

Mi specializzo anche in informatica giudiziaria e, dal 1995 al 2008, sono stato referente informatico per il Ministero della Giustizia presso la Corte d’Appello di Torino: gestivo l’organizzazione informatica degli uffici giudiziari del Piemonte e studiavo e realizzavo nuove procedure per la creazione e l’utilizzazione del cosiddetto fascicolo informatico, nonché per l’organizzazione del lavoro dei magistrati e della loro partecipazione alle udienze penali.

Mi sono dedicato a un’attività di studio nel campo del diritto che ha portato alla pubblicazione di un manuale di diritto penale tributario (Contravvenzioni e delitti tributari – Utet 1986) e di numerosi articoli in materia tributaria e societaria su riviste specializzate. Tra il 1995 e il 2000 sono stato professore a contratto presso l’Università del Piemonte Orientale dove ho tenuto un corso di Diritto Penale Tributario. Tra il 1992 e il 2000 sono stato presidente, in successione, di tre Commissioni ministeriali per l’elaborazione di una nuova legge penale tributaria che sostituisca la legge 516/82; il Parlamento italiano approverà la nuova legge con modifiche tali da snaturarne completamente l’impianto, sì da renderla del tutto inefficiente.

Lasciata la magistratura, scrivo tre libri, Toghe rotte (2007), La Questione Immorale (2009) e La rivoluzione delle tasse (2012), tutti per Chiarelettere. Ho descritto lo stato comatoso della giustizia italiana, proposto le riforme necessarie per renderla efficiente e analizzato le leggi emanate allo scopo di assicurare l’impunità al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e agli altri politici accusati di reati contro la Pubblica Amministrazione, quali corruzione, frode fiscale, falso in bilancio. Nel 2009 sono diventato azionista del nuovo giornale Il Fatto Quotidiano, di cui sono anche collaboratore stabile: tengo una rubrica ebdomadaria, “Giustamente”, che esce ogni venerdì e pubblica articoli in materia di giustizia e politica.

Dal 2009 sono iscritto all’Ordine degli Avvocati di Roma.

Post di Bruno Tinti

Politica - 26 agosto 2015

Riforma Senato: la sottile differenza tra ricatto e strategia

La clinica universitaria deve sterilizzare le camere operatorie: ci sono batteri resistenti; le operazioni riescono ma i pazienti muoiono per infezioni post operatorie. Servono soldi. Prendiamoli da quelli stanziati per ampliare il padiglione di medicina generale. Il primario insorge: non se ne parla nemmeno, è cosa ingiusta, farò tutto quello che posso per bloccarvi; e […]
Economia & Lobby - 14 agosto 2015

Fisco, i patti con l’evasore e i finti controlli

Ogni anno l’evasione fiscale si mangia 150 miliardi solo per quanto riguarda le imposte sul reddito. L’11 per cento dei contribuenti italiani (le partite Iva) fa “nero”. Gli altri (89 per cento) sono lavoratori dipendenti e pensionati che vorrebbero evadere ma non possono. Tutto questo è fatto notorio e, quanto alle percentuali citate e all’ammontare […]
Economia & Lobby - 7 agosto 2015

Cari evasori questo governo fa il tifo per voi

Poi arriva il momento di rispettare i patti, di raccogliere consensi, anche se hanno un cattivo odore. E scatta la porcata. Soglie di punibilità per gli evasori fiscali incrementate; della serie: il 3% del fatturato non è passato, proviamone un’altra. Impunità per chi evade un’imposta inferiore a 150.000 euro (fino adesso sono 50.000); e stesso […]
Giustizia & Impunità - 11 luglio 2015

Pene e sentenze, le colpe dei politici ricadono sui giudici

Quando non sono occupati nella critica della sentenza, i tifosi delle vicende giudiziarie, soprattutto quelle penali, disapprovano le pene inflitte: le considerano – in genere – troppo lievi. La critica alla decisione, spesso espressa in vere e proprie gazzarre mediatiche, è quasi sempre dovuta all’ignoranza delle leggi che la impongono (prescrizione, non rilevanza penale di […]
Giustizia & Impunità - 19 giugno 2015

Magna Charta, otto secoli e sentirli (in Italia)

Ottocento anni fa, in un prato a poco più di 20 km da Londra, Runnymede, Giovanni Senza terra (il Re di Robin Hood, il fratello cattivo di Riccardo Cuor di Leone anche se, fra tutti e due…) fu costretto dai baroni di Inghilterra a concedere la prima Costituzione conosciuta, la Magna Charta. Non fu un […]
Giustizia & Impunità - 28 aprile 2015

Responsabilità civile: la toppa dei giudici all’errore politico

magistrati_675 Ho già scritto che la nuova legge per la responsabilità civile dei magistrati è inutile, demagogica e dannosa. Inutile: era sostanzialmente identica alla precedente, risalente al 1988. Demagogica: scrivere una legge uguale ad altra precedente serve solo a cavalcare lo scontento popolare e indirizzarlo, invece che a leggi mal fatte e dunque a chi le […]
Giustizia & Impunità - 8 aprile 2015

Processo civile, un passo avanti

Palazzo di Giustizia di Milano Ho scritto molti articoli in materia di riforma del processo civile; da ultimo, nel febbraio e marzo di quest’anno. Ho spiegato che: – Il processo civile è lungo e quindi chi ha torto trova conveniente non adempiere e farsi fare causa; gli può andare bene; se gli va male, adempirà tra 10 anni. – È […]
Giustizia & Impunità - 5 marzo 2015

Responsabilità civile dei magistrati: ostile, inutile e dannosa. Non male per una legge

La nuova legge sulla responsabilità civile dei magistrati è una legge stupida: perché è inutile, dannosa e ostile. Inutile. I casi previsti sono gli stessi della legge 117/1988. Le nuove fattispecie (travisamento del fatto e delle prove) sono solo un altro modo di descrivere quelle già esistenti: affermazione di un fatto incontestabilmente escluso dagli atti processuali […]
Giustizia & Impunità - 27 febbraio 2015

Processo Eternit, il codice ha un’opzione sola

La sentenza della Cassazione nel processo Eternit ha innescato la polemica tipica di quando “i giudici non fanno giustizia”. Il senatore Casson (ex pm esperto di reati ambientali) l’ha definita “contra lavoratorem”: “I giudici potevano benissimo decidere come i colleghi di primo e secondo grado (che avevano condannato Schmidheiny a 18 anni di reclusione). La […]
Economia & Lobby - 20 febbraio 2015

Epatite C: il farmaco che salva la vita c’è, i soldi no

E’ stato messo in commercio un farmaco nuovo: Sovaldi, cura l’Epatite C. In realtà non la cura, la guarisce, nel 99% dei casi. Siccome si tratta di una malattia mortale (si “cura” con trapianto oppure non si cura) si può ben dire che far guarire la gente con due pillole al giorno è una scoperta rivoluzionaria. […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×