“Cari stalker”, “cari molestatori”. Si chiama così il profilo Instagram (Dear Catcallers) creato da Noa Jansma, 20enne olandese che ha trovato un modo originale per raccontare quello che le donne provano quando vengono infastidite dagli uomini. Sul profilo, Noa ha pubblicato un selfie per ogni uomo che l’ha molestata, per un totale di 24 selfie al mese. Uno al giorno, quasi. “Ho avuto questa idea in mente per molto tempo, ma non avevo il coraggio di fare il primo passo – ha raccontato alla stampa olandese – ma quando ho chiesto a un uomo di farsi una foto con me, ha risposto con entusiamo”. Gli uomini pensano infatti che farsi un selfie con Noa sia una cosa bella, divertente, e spesso si mostrano sorridenti. Non sanno che l’obiettivo della ragazza è invece mostrare come ognuno di loro si senta autorizzato a dire quello che gli passa per la testa, dal complimento alla molestia vera e propria. Alcuni commentatori polemizzano, affermando che certi complimenti non possono essere considerati molestie. Ma in molti, moltissimi, apprezzano l’iniziativa di Noa. Tanto che i follower del suo profilo continuano a crescere.