Tutti pronti a vedere la rinascita di Serena Grandi? Andrà in scena definitivamente questa sera su Canale 5, quando la giunonica Serena varcherà la porta rossa del Grande Fratello Vip. L’attrice bolognese negli Anni 80 è stata un’icona del cinema italiano, nonché una delle pin-up più famose: le sue curve hanno fatto sognare milioni di italiani e il ruolo nel film Miranda di Tinto Brass l’ha resa indimenticabile. Tanti film, tanti ruoli importanti, tanto successo. Poi alcuni problemi con la giustizia l’hanno fatta indietreggiare. Il 19 novembre del 2003 venne arrestata con l’accusa di detenzione e spaccio di cocaina, un’accusa infamante che può distruggere una carriera (c’è andata vicino). Lei parlò subito di un “clamoroso errore giudiziario”, ma ci vollero cinque anni prima che venisse prosciolta da ogni accusa.

“Se mi fossi chiamata Maria Pizzetti piuttosto che Serena Grandi non sarebbe successo niente. La macchina del fango che si è messa in moto contro di me mi ha colpito perché ero un nome, una persona famosa. Ho imparato a non fidarmi più di nessuno”, ha dichiarato in tempi recenti l’attrice. Cinque anni sono stati lunghi. La davano per depressa, spacciata, dimenticata e abbandonata da tutti. Tanto che lei, in attesa di una nuova chance, si era dovuta rimboccare le maniche e aprire un ristorante a Rimini, chiamato La Locanda di Miranda. Era ripartita da zero, insomma.

Ci sono poi volute pazienza e Paolo Sorrentino per riportarla al successo: il regista le ha affidato un ruolo nel film Premio Oscar La Grande Bellezza e il pubblico ha riniziato ad amarla. “Non sai chi sono? Sono un’attrice Premio Oscar io”, ha rivendicato in un furente litigio televisivo con Giulia De Lellis (chi? Un’altra futura “gieffina”). Beh, non sappiamo se ringraziarlo, Sorrentino, o chiedergli di non farlo mai più.

Tant’è, stasera la nostra Serena entrerà nella Casa del Grande Fratello carica a pallettoni. Lo ha già mostrato sui social, dove ha pubblicato alcuni sui video (da vera diva) nei quali saluta i suoi fans e esorta loro a sostenerla. E se i compagni di avventura dovessero mancarle di rispetto? “Li meno, tutti”, ha già avvertito. Ne vedremo delle belle, buona visione.