Piadina e squacquerone, ma anche polka e liscio con echi sperimentali alla Mike Patton. In un doppio cd tornano gli Extraliscio All Stars con a capo la carica dirompente di un mai troppo apprezzato Mirko Mariani. Il primo cd è ‘Balabilessum’, una raccolta di classici di Secondo Casadei ‘come una volta’, eseguiti da Moreno ‘il Biondo’ Conficconi al clarino in do e Fiorenzo Tassinari al sax, esercizio filologico che riporta sulla scena la purezza affascinante, selvaggia, e perduta dalle orchestre moderne, costrette a repertori di cover. L’altro è ‘Not Danceable – Imballabilissimi’ dove gli stessi brani sono stati ‘trattati’ da Mariani, che fino ad oggi ha collaborato con Vinicio Capossela, Marc Ribot, Arto Lindasy e Mitchell Froom. Le melodie sono così rivestite con abiti frenetici e dissonanti, che permettono alla tradizione di affrontare il rumore di fondo delle nostre città, grazie anche alla partecipazione di artisti come Taketo Gohara (Capossela, Verdena, Mauro Pagani), che ha circondato un classico di Secondo – ‘Alla Fiora’ – di screziature alla giapponese; Massimo Simonini che in ‘XXL’ ha compresso in pochi minuti decenni di tradizione; e della coheniana Polkazurka con il chitarrista Alessandro ‘Asso’ Stefana, musicista che fa parte della band di PJ Harvey.

Tutto comincia da Secondo Casadei. Da quella intuizione che portò la ‘musica delle aie’ nel mondo. Perché di ‘world music’ si trattava, suono che miscelava la tradizione contadina romagnola con i balli della Mitteleuropa. La cultura popolare con le rigorose partiture classiche. E da lì, dalle composizioni del Maestro parte la sperimentazione sonora di Extraliscio, la band che Mirco Mariani e Moreno ‘il Biondo’ Conficconi hanno creato per portare a un nuovo pubblico la suggestione senza tempo delle arie e dei ballabili che hanno segnato la storia e le trasformazioni non solo della Romagna ma del nostro Paese. Dopo un esordio folgorante, che ha portato questa musica dalla balere ai centri sociali, dalle megadiscoteche ai club, sino al palco della Notte del Liscio, condiviso nell’estate del 2016 con Goran Bregovic e nel 2017 con la Nuova Compagnia di Canto Popolare, Pupo e DJ Shantel, facendo ballare insieme adolescenti techno e anziane ‘zdaure’, il ‘punk da balera’, per usare una espressione a loro molto cara, di Extraliscio torna con disco doppio che racconta questa musica in bilico tra l’amore per le radici e il futuro.

Il disco è prodotto da iCompany e Casadei Sonora, la ‘casa’ della musica di Secondo Casadei, che quest’anno celebra i suoi 70 anni di attività, forte della passione di una musica che conserva, come dimostra il grande interesse che riscuote anche in ambiti ‘colti’ una vivida attualità. Gli ‘Extraliscio All Stars’ trovano però la loro più eccitante espressione nei travolgenti live, dove l’orchestra, formata da 10 elementi, non risparmia nessuno dall’impellenza del ballo, facendo di ogni luogo dove si esibisce, room la balera dei nostri sogni. Prima del tour europeo invernale tante le date estive tra cui quella del 15 agosto 2017 al Castello Sforzesco di Milano.