Da pochi giorni ha lasciato l’ospedale romano San Camillo dove era ricoverato dal 9 giugno per un incidente avvenuto sul circuito Sagittario di Latina. E adesso è giunto il momento per Max Biaggi di ringraziare tutti coloro che gli sono stati accanto durante i difficili giorni successi alla caduta. Prima fra tutti la fidanzata Bianca Atzei, che durante il ricovero non ha mai abbandonato la stanza dell’ex campione di MotoGP.

‪Raramente nel nostro cammino si incontrano anime gemelle o pseudo angeli. Beh! Io l’ho trovato e mi ha fatto sentire tutta la sua positività ,amore, e ogni volta che mi stringeva la mano quando ero in fin di vita o mi accennava un sorriso io come un bambino adolescente mi illuminavo di immenso. È una sensazione complicata per me da descrivere ma è stata la miglior cura che potessi mai avere. Questo angelo si chiama Bianca, la mia Bianca capace di sorprendermi con la sua caparbietà e devozione verso l’uomo che ama. ‬ ‪Perché vi dico questo? Perché quando una dramma si trasforma in un regalo divino diventa importante esternare amore verso chi ha dato tutta se stessa per farti sentire vivo quando in realtà lo eri poco. ‬ Ti amo piccola mia.

Un post condiviso da Max Biaggi (@maxbiaggiofficial) in data:

“Raramente nel nostro cammino si incontrano anime gemelle o pseudo angeli – scrive il pilota su Instagram sotto la foto che ritrae la compagna – Bhe! Io l’ho trovato e mi ha fatto sentire tutta la sua positività, amore, e ogni volta che mi stringeva la mano quando ero in fin di vita o mi accennava un sorriso io come un bambino adolescente mi illuminavo d’immenso”. Una vera e propria dichiarazione d’amore nei confronti della cantante milanese che è stabilmente al fianco del pilota dal 2015. “Questo angelo si chiama Bianca, la mia Bianca capace di sorprendermi con la sua caparbietà e devozione verso l’uomo che ama. Perché vi dico questo? Perché quando un dramma si trasforma in un regalo divino diventa importante esternare amore verso chi ha dato tutta se stessa per farti sentire vivo quando in realtà lo eri poco. ‬Ti amo piccola mia“.

Parole d’affetto e di gratitudine anche nei confronti del padre Pietro che, come la fidanzata, ha seguito costantemente il figlio giorno dopo giorno.”Mio papà ha avuto paura per 25 anni e questa è la promessa che non gli farò più avere paura – scrive il pilota in un nuovo post – Grazie papà per avermi tenuto la mano come faccio io con i miei figli”.