“Lo Stato non c’è, d’ora in poi sarò armato”. Stando ai sondaggi lo pensano in molti ma a dirlo esplicitamente è un giudice che anzi lo scrive di suo pugno in una lettera aperta pubblicata oggi sulla Tribuna di Treviso. Così il trevigiano Angelo Mascolo, di professione magistrato, annuncia di volersi dotare di un’arma per esercitare il suo “diritto alla difesa”. Una presa di pozione destinata a incrociarsi con il dibattito pubblico (e politico) sulla legittima difesa, mentre riprendono i lavori fermi da due anni in Commissione Giustizia alla Camera.

Mascolo fa riferimento ad un episodio accadutogli qualche sera fa: ha sorpassato una vettura che per tutta risposta ha cominciato a inseguirlo e a dare colpi di abbaglianti. Il giudice è riuscito a raggiungere una pattuglia di Carabinieri, ai quali gli inseguitori hanno detto che era stato seguito “per esprimere critiche sul suo modo di guidare”. “Pensa te”, aggiunge il giudice. Così prende carta e penna e scrive la sua lettera, che diventa un pamphlet sul diritto di dotarsi di una pistola per “legittima difesa”.

Mascolo, va detto, non è nuovo alle uscite contraddittorie. Il Csm ha lo ha messo nel mirino per le dichiarazioni su un episodio di presunta corruzione che coinvolge due finanzieri. “Non giustifico ma comprendo queste dazioni: è un modo per voler rimanere in buoni rapporti tra imprenditoria e guardia di finanza”, disse. Ma prima ancora si era guadagnato critiche per aver partecipato a una cena della Lega. Il Corriere Veneto lo aveva poi ribattezzato “il giudice dei record”, per aver celebrato 69 udienze in 185 minuti.

Forse ha impiegato più tempo per scrivere la lettera che scomoda la Rivoluzione francese, Pascal, Hitler e Golda Meier. “Hitler lo avrebbero fermato le gentili parole di Chamberlain e Deladier? Il che vuol dire che quando ci vuole ci vuole”, si legge. Tocca chiamarlo, insomma. “Sì confermo tutto. Penso di aver espresso il mio stato d’animo su questa questione e che sia lo stesso del 90% dei cittadini in buona fede, perché solo chi è in malafede può dire che l’Italia è sicura, che siamo tutti buoni, che siamo tutti fratelli. Del resto quando perdi il controllo dal punto di vista politico lo perdi anche dal punto di vista dell’ordine pubblico.

“Non si dica che ho posizioni leghiste o del missionario, perché dico che gli stranieri sono preferiti nell’amministrazione della giustizia. L’altro giorno mi capita un cinese che aveva fatto oltraggio a pubblico ufficiale. Mi tocca anche leggere tre pagine in cinese. E allora sa che penso? Vada lei in Cina a fare oltraggio, vediamo che trattamento le riservano. In Italia il processo è fatto per l’imputato, non per la persona offesa”.

Spara a zero il giudice con la pistola. “Il problema non riguarda un mio diritto di difesa soggettivo ma quello di tutti. Guardi che se l’altra avessi sparato avrei subito davvero l’iradiddio dei processi. Mi sarei sentito dire che è eccesso di legittima difesa, che la vita umana è sacra e via discorrendo. Per bene che mi fosse andata sarei andato incontro quantomeno alla rovina economica per le spese di avvocato. Il ruolo di giudice è paragonabile oggi a quello del soldato, al quale – per tenerlo calmo – si fa scavare un buco per poi riempirlo”.

La risposta è nelle armi. “Chi proclama che il nemico – e Dio solo sa se ne abbiamo e quali stiano bussando alle nostre porte inermi – può essere fermato dalla Provvidenza e con profferte di pace sono dei pavidi o dei renitenti alla leva. Categorie di cui l’Italia è Patria”. E allora bisogna fare come Golda Meir che “dopo i fatti di Monaco del ’72 disse che ci sono momenti in cui uno Stato deve venire a compromessi coi suoi valori. E fece inseguire e uccidere uno per uno gli attentatori”. La chiosa: “E noi, quando potremo finalmente dire che l’Italia s’è desta?”.