A cinque anni dalla visita di Benedetto XVI, domani è atteso a Milano Papa Francesco. Prima tappa, di buon mattino, le “Case bianche” di via Salomone, palazzoni di edilizia popolare alla periferia est della città, dov’è acuto il disagio sociale. “Non è un gesto simbolico, Bergoglio è un uomo della periferia del mondo che va incontro alla fragilità degli esseri umani”, spiega Giorgio Sarto della Caritas. Preparativi sobri, senza particolari aggiustamenti scenici. “L’arrivo del Papa ci conforta, ma ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni”, denuncia un’inquilina storica. 477 alloggi, oltre mille abitanti, molti abusivi. “Questo è un ghetto, spero che Comune, Regione e Aler, a riflettori spenti, affrontino il degrado del quartiere”, dichiara Oscar Strano, che presiede il comitato inquilini di via Salomone. Tra i più entusiasti una coppia di residenti egiziani, musulmani. “Al papa vorremmo dire grazie perché è uomo di dialogo fra diverse religioni”. Ma c’è anche chi vive la visita di Francesco con disincanto: “La speranza non abita più qui”, testimonia più di una voce   di Piero Ricca – riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cosenza, arrestato pensionato: si fingeva funzionario dell’Ue e prometteva finanziamenti in cambio di denaro

next
Articolo Successivo

Treviso, la lettera choc del giudice Mascolo: “Lo Stato è fuori controllo, io mi armo. Perché quando ci vuole ci vuole”

next