“Siamo in un paese in cui le aziende se ne vanno all’estero e i terremotati vengono a manifestare a Roma perché non hanno le case. Nel frattempo membri del governo parlano degli appalti Consip. Per questo Lotti insieme agli altri del “giglio magico” devono stare lontano dalle istituzioni”. Lo ha detto Luigi Di Maio, tornando sul caso Consip, che vede coinvolti diverse persone vicine alll’ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Questa mattina l’esponente dell’M5S è andato a Roncello (MB) per portare solidarietà ai lavoratori della K-Flex, in presidio da oltre 40 giorni per la decisione della multinazionale di tagliare 187 posti di lavoro.”Ci sono possibilità che la mozione di sfiducia contro Lotti passi al Senato” ha continuato il vicepresidente della Camera”. Due pesi e due misure tra il caso Lotti e il caso Raggi? “I due casi non sono paragonabili – ha spiegato – non mi risulta che la Raggi abbia preso soldi da qualcuno, che adesso sta in galera. E in altri casi abbiamo chiesto l’allontanamento di nostri sindaci senza che neanche fossero indagati”.