Si legge che quest’anno, oltre ai cantanti, sul palco del Festival di Sanremo (in onda da stasera) ci saranno Francesco Totti, Keanu Reeves, Paola Cortellesi e Antonio Albanese, Raul Bova, Virginia Raffaele, Luca e Paolo, Marco Giallini e Alessandro Gassmann, ecc ecc. Bene, faccio una proposta a Carlo Conti e soprattutto a Maria De Filippi, che ha portato nei suoi talk enormi porzioni di società civile.

Visto che Sanremo, come tutta Liguria, è terra dove la ‘ndrangheta avanza con il massimo di velocità in Italia (l’ultima operazione della Dia di Genova, avvenuta ieri, ha portato alla confisca di beni per 20 milioni di euro), perché non ospitare – anche solo per pochi minuti – chi la combatte?

Per la società civile faccio il nome di Christian Abbondanza, il fondatore della “Casa della Legalità” di Genova, più volte minacciato di morte, e per le istituzioni, Sandro Sandulli, il capo della Divisione Antimafia che combatté le cosche in Lombardia e recentemente ha smantellato il comune di Lavagna.

Tranquilli, ragazzi: non vi faranno perdere ascolti! Hanno un sacco di cose da dire, sicuramente molto più interessanti delle fiction di cui parlerete. Anche perché si tratta di storie vere. Insomma non saranno “solo canzonette”.