Renzi? Con lui ci sono stati 660 posti di lavoro in più al giorno. Che siano voucher o non voucher, c’è stato un aumento di occupazione”. Lo afferma a Piazzapulita (La7) Davide Serra, partner fondatore di Algebris Investments e principale finanziatore delle campagne elettorali di Matteo Renzi. Commentando i risultati del voto referendario, l’imprenditore scodella i dati Istat sull’occupazione negli ultimi 4 anni: “Col governo Letta si perdevano 550 posti di lavoro al giorno, 330 col governo Monti, 390 col governo Berlusconi. Sono dati Istat, so che in Italia ci sono polemiche pure su questi numeri”. “Più che altro sono lavori pagati con voucher” – precisa il conduttore Corrado Formigli – “sono tagliandini con cui sono pagati lavori che durano anche un giorno. Sono lavori assolutamente temporanei e precari”. Serra poi descrive la percezione che Londra ha degli esiti del referendum e cita il M5S: “Sicuramente mi manderanno qualche insulto, si divertono così. Non sono amato dai grillini? Veramente non ne ho mai conosciuto uno. Una volta ne ho visti due qui a Londra, fuori da una chiesa”