Per “razionalizzare il Servizio sanitario nazionale” occorre “definire quello di cui il pubblico può continuare a occuparsi e quello che può essere demandato al privato, senza deludere le aspettative dei cittadini”. Quanto alla previdenza, “l’azione del governo mira a favorire l’integrazione pubblico-privato”. C’è perfetta unità di vedute tra il ministro dello Sviluppo, uno dei consiglieri economici di punta del governo Renzi e i vertici del secondo gruppo assicurativo italiano. E al coro si è unito anche il rappresentante della vigilanza sulle assicurazioni. Cornice del quadretto il convegno White Economy: innovazione e crescita. Energie pubbliche e private per i nuovi modelli di welfare, organizzato a Roma da Unipol. Che, a fronte del continuo calo dei ricavi da Rc auto (il settore “va nella direzione di una perdita tecnica“, ha ammesso il numero uno Carlo Cimbri), sta puntando molto sulle polizze sanitarie. Come dimostra anche la scelta di sponsorizzare il Giubileo straordinario (e offrire prodotti ad hoc ai pellegrini).

“La vera differenza tra servizi non è tra pubblico e privato, ma fra prestazioni a pagamento o gratuite“, ha tirato la volata il titolare dello Sviluppo economico Carlo Calenda, sul palco al fianco di Cimbri, amministratore delegato di Unipol, per il dibattito conclusivo. “Non è detto che il privato sia sempre più efficiente, ma questo discorso va sviluppato se vogliamo razionalizzare il nostro Servizio sanitario nazionale, definendo”, appunto, “quello di cui il pubblico può continuare a occuparsi e quello che può essere demandato al privato, senza deludere le aspettative dei cittadini sul patto sociale universale che prevede gran parte delle prestazioni sanitarie gratis“. Del resto durante la crisi “la spesa pubblica per la salute si è fermata”, ha avvertito il presidente dell’Istat Giorgio Alleva, mentre “la spesa delle famiglie è continuata a crescere”. E la speranza degli operatori del settore è che quella spesa sia sempre più “intermediata” da fondi e assicurazioni. Speranza condivisa dal responsabile del dicastero che si occupa di politica industriale, che ha sottolineato: “Il welfare e i servizi di welfare erogati dai privati sono un grandissimo generatore di crescita“.

Musica per le orecchie di Cimbri, che dopo avere ricordato come il settore della ‘white economy’ (la filiera delle attività, sia pubbliche sia private, di assistenza, cura e previdenza) valga “il 20% del pil” e occupi “il 16% della forza lavoro, numeri che ne testimoniano l’importanza”, ha auspicato che lo Stato avvii in questo campo “una gestione e una programmazione di medio-lungo periodo: è necessario passare da una gestione spot ad una programmazione vera”. E anche “riorganizzare a livello pubblico” il settore dell’assistenza domiciliare perché “molte patologie, coi nuovi strumenti tecnologici e la telemedicina, possono essere curate a domicilio“. Del resto le polizze di Unisalute prevedono, appunto, anche l’invio di personale sanitario a casa. Sia per gli over 65 sia per chi affronta la riabilitazione dopo un infortunio.

Stefano Patriarca, consigliere economico della presidenza del Consiglio, ha dato manforte a Calenda concentrandosi però sul tema pensioni: “La previdenza integrativa, in un Paese nel quale c’è il 33% di aliquota contributiva più un altro 7% di fatto obbligatorio, ha ben poco spazio, ma l’azione del governo mira a favorire l’integrazione pubblico-privato”. Privato che “non deve fare il doppione del pubblico, ma intervenire dove il pubblico non arriva, e in questa direzione vanno le misure come l’Ape (anticipo pensionistico, ndr) intraprese da questo governo”. Si noti che l’Ape, in pratica un prestito bancario con annessa polizza assicurativa obbligatoria grazie al quale i 63enni potranno lasciare il lavoro prima di quanto previsto dalla legge Fornero, finirà per costare a chi lo richiede fino al 20% della pensione netta.

Sulla stessa linea dei rappresentanti dell’esecutivo, ma ancora più esplicito, Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d’Italia e presidente dell’Ivass, l’Istituto di vigilanza sul settore assicurativo: “È indubbio che il tema sanità si intreccia, in Italia, col dato demografico, e il ‘long term care‘ è la questione fondamentale: è qui che c’è un grande mercato per le compagnie assicurative”, ha dichiarato il responsabile della tutela dei consumatori nel rapporto con le compagnie. Per poi aggiungere che “il settore pubblico potrebbe favorire questo mercato con incentivi fiscali, e non tutti devono necessariamente pesare sul bilancio dello Stato, perché alcuni possono migliorare il complessivo rapporto costo-efficienza“. Quanto alle pensioni, “i lavoratori ancora non sono consapevoli che la previdenza pubblica non svolge più quel ruolo che svolgeva in passato e non lo svolgerà più”, perché “il tasso di sostituzione atteso tra salario e pensione che un tempo era la magica cifra dell’80% e oggi è il 50″, e “quindi devono integrare” con i fondi pensione privati. Ma “questa integrazione privata però ancora non decolla, stenta“.