Ferrari ha diramato le prime foto ufficiali della versione spider de LaFerrari… forse un giorno ci faremo una ragione di questo nome. A dire il vero il debutto dell’auto al Salone di Parigi (1-16 ottobre) era nell’aria: da mesi circolavano in rete le foto delle partecipazioni per la presentazione privata del modello, inviate alla stessa clientela selezionata che ha già comprato tutti gli esemplari dell’auto che saranno prodotti. Questo senza contare le immagini dei modellini in scala finite sul web, che spesso anticipano le forme definitive delle auto prossime alla produzione, ed il fatto che il prossimo anno la Ferrari spegnerà 70 candeline: questo bolide potrebbe far parte dei festeggiamenti.

Ufficialmente il nome definitivo dell’auto verrà svelato a Parigi; anche se aguzzando la vista sulla targa si può leggere la nomenclatura “LaFerrari Aperta”: salvo sorprese dell’ultima ora, dovrebbe essere proprio questa la denominazione definitiva della prima spider ibrida della storia prodotta a Maranello. Alla rassegna parigina sarà anche svelata la tiratura di questa eccezionale hypercar che riprende, nello stile e nella meccanica, quanto visto sull’omonima coupé.

Rispetto a quest’ultima la “Aperta” potrà essere opzionata sia con un hard top in fibra di carbonio che con un soft top in tela. Intanto dalla Scuderia ci tengono a far sapere che la rigidezza torsionale della scocca è invariata rispetto alla variante chiusa de LaFerrari. Sotto al cofano invece c’è un V12 aspirato da 800 CV (montato in posizione centrale) abbinato ad un motore elettrico da 163 CV alimentato con batterie al litio. Nulla di ufficiale nemmeno sul prezzo, che dovrebbe tuttavia aggirarsi sul milione di euro. I soldi non fanno la felicità ma aiutano, eccome.