Cori, fischi, grida dei dipendenti Aamps in consiglio comunale a Livorno che chiedono le dimissioni del sindaco Filippo Nogarin (M5S), raggiunto nei giorni scorsi da un avviso di garanzia sulla municipalizzata dei rifiuti. “Premetto che occupandomi della questione Aamps, fosse praticamente inevitabile sporcarsi le mani – afferma durante il suo intervento in consiglio il sindaco Nogarin -, ma la mia coscienza è assolutamente pulita. Non sono accusato di aver rubato, di aver distratto fondi per scopi personali, non sono accusato di essere un evasore o di aver comprato calze, mutande o Nutella con i soldi pubblici”