sec-pic-DSC_2912

Dopo aver apprezzato le bellezze di Trondheim e del centro della Norvegia , quando il contachilometri del nostro InterRail segna duemila chilometri, è il momento di partire ancora più a nord, verso il circolo polare artico. 

La voce del capotreno ci sveglia mentre dal finestrino scorrono montagne innevate sotto un cielo rosa. Sono circa le nove del mattino quando arriviamo a Bodø, ma a giudicare dalla luminosità sembra molto più presto e i -10°C, anche qui ci sorprendono (a questa latitudine ci aspettavamo molto peggio, ma saremo accontentati nelle tappe successive).

Andiamo a piedi alla scoperta del centro di questa città che conta circa cinquantamila abitanti e rimaniamo a bocca aperta quando, sul porto, la vista sul fiordo ricoperto di neve si svela ai nostri occhi.

secpic-DSC_2918

Saliamo all’ultimo piano dello Scandic Havet e godiamo di un panorama a 360° sulla città e il fiordo innevato proprio nel momento in cui il sole timidamente fa capolino per qualche minuto da dietro le montagne. La magia del luogo è aumentata dall’eccitazione palpabile tra il personale dell’albergo: “non vedevamo il sole da due mesi” ci confessano, il che ci fa comprendere la loro emozione.

Festeggiamo l’evento con i Solboller, bomboloni ripieni di crema che celebrano il ritorno del sole nel nord della Norvegia e ci dirigiamo all’imbarco passeggeri del porto.

Dovendo proseguire il giorno seguente verso nord e non essendoci alcun collegamento ferroviario per Narvik le opzioni sono tre: aereo (che i norvegesi prendono quasi come fosse l’autobus), bus o auto . Optiamo per l’ultima potendo così continuare nel segno dell’InterRail approfittando del paesaggio e potendoci fermare quando vogliamo lungo il percorso per riposarci o immortalare il panorama.

Aspettandoci una tappa su strada per l’indomani, su un percorso che non conosciamo e considerate le poche ore di luce a queste latitudini, decidiamo di cenare all’ora locale per poter partire presto alla volta di Narvik.

La travelfood blogger che mi accompagna mi segnala che dalla postazione panoramica su cui eravamo saliti a mezzogiorno c’è anche Roast, un bar-ristorante, ed è lì che ceniamo in uno scenario unico.

secpic-DSC_2949Assaggiamo la specialità dello chef: il tagliere di carne alla griglia, un piatto di pesce locale con i suoi cavoletti di bruxelles croccanti, senza dimenticare il tocco dolce, il tutto in buona compagnia. Durante la serata facciamo infatti conoscenza con una coppia franco-norvegese, che oltre a farci da guida sulla regione e a raccontarci aneddoti divertenti sulle differenze culturali tra i due paesi, ci mette in guardia dagli alci che attraversano la strada.

secpic-DSC_2997L’indomani ci svegliamo molto presto e ci mettiamo in viaggio per Narvik, 300 km più a nord. In condizioni normali si impiegano circa 5 ore. La strada più veloce è limitata a 80 chilometri all’ora ma con il manto stradale ghiacciato in molti tratti ce la prenderemo con comodo.

Le montagne innevate dipinte di rosa dal riflesso del sole che si gettano nel mare glaciale dei fiordi e cascate ghiacciate ai lati della strada ci forniscono un’ulteriore scusa per delle brevi soste in questi luoghi unici.

Il percorso prevede inoltre un piccolo tratto in traghetto, tra Bognes e Skarberget c’è una partenza all’incirca ogni due ore. Partiti in anticipo anche per evitare di rimanere bloccati sul porto, riusciamo ad imbarcarci all’ultimo minuto (e la breve traversata di mezz’ora ci delizia con paesaggi eccezionali con le Lofoten sullo sfondo).secpic-DSC_3003

Sbarcati dalla nave proseguiamo sulla E6 fino a Narvik, seconda città della regione e sapere di essere nel circolo polare artico fa un certo effetto.

Dopo aver posato le valigie, ci ricarichiamo con una zuppa calda prima di partire a caccia di aurore boreali. Più si sale a nord più le possibilità di vedere questo particolare fenomeno sono alte ma la latitudine non è tutto e le condizioni meteorologiche e un po’ di fortuna fanno il resto. I primi due fattori sono dalla nostra parte e incrociamo le dita per il terzo.

secpic-DSC_3058La notte cala sulla città, usciamo per cercare posti al riparo dalla luminosità artificiale e quando alziamo la testa un’esclamazione di sorpresa esce automaticamente dalle nostre bocche. Neanche nelle notti più stellate avevamo mai visto tanto brillare in cielo, e dopo un po’ arriva anche la famosa Aurora.  Quella fascia di luce verde che inizialmente sembra quasi un miraggio o un’autosuggestione compare e scompare nel cielo fino a cominciare quella che sembra una vera e propria danza. Rimaniamo contemplativi davanti a questo vero e proprio spettacolo della natura dopodiché proviamo ad immortalare questa magica luce verde.

Il giorno seguente, dopo una colazione al buio (qui devono pazientare ancora qualche giorno prima di rivedere il sole) saliamo sulle alture di Narvik dove piccoli e grandi approfittano del week-end per sciare. La “gondola” (nome della locale teleferica) per il Narvikfjellet, punto panoramico sulla città, non è ancora in funzione ma una passeggiata nei dintorni sarà l’occasione per fare il pieno di quest’atmosfera.

Salutiamo Narvik e la Norvegia da un’altro punto d’osservazione, che troviamo all’ultimo piano dell’hotel e prepariamo le valigie per proseguire il nostro InterRail di nuovo in treno verso la nostra prossima tappa: Abisko e la Lapponia svedese.

Guarda tutte le foto dello ScandiRail16 fino a Narvik