“Ad oggi il quadro legislativo in vigore garantisce ai collusi, ai criminali dal colletto bianco e ai facinorosi delle classi più ricche spazi troppo ampi di sostanziale impunità, in particolare attraverso il sistema della prescrizione”. E’ il pensiero espresso dal pm Antonino Di Matteo durante un incontro di presentazione del libro “Collusi”, scritto in collaborazione con Salvo Palazzolo, all’Università degli Studi dell’Insubria di Varese. “La politica ha fatto cento passi indietro e ha lasciato esposta la magistratura”, ha proseguito il magistrato antimafia, che lancia un appello: “Abbiamo tutti il dovere di portare avanti una guerra di resistenza alla normalità del metodo mafioso al quale ci stiamo rassegnando”