Antonio Landieri era un ragazzo disabile di 25 anni, ucciso per errore dalla camorra il 6 novembre del 2004 durante la faida di Scampia. Ci sono voluti 10 anni per riconoscere ufficialmente Antonio tra le vittime innocenti della camorra e corrispondere alla famiglia l’indennizzo previsto per i parenti delle vittime di criminalità organizzata. “Antonio aveva lo stesso soprannome di uno spacciatore della zona – racconta la cognata – e per questo motivo le forze dell’ordine e la stampa per molto tempo lo hanno dipinto come un malavitoso”. I sicari fecero fuoco contro un gruppo di cinque giovani in via Labriola pensando di colpire gli spacciatori del rione. I ragazzi fuggirono ma rimasero tutti feriti. Antonio, a causa della sua disabilità non riuscì a scappare e due proiettili lo colpirono alla schiena di rimbalzo. “La cosa che non mi da pace – dice Raffaella, madre del giovane – è che mio figlio sia stato trattato come un criminale, abbiamo dovuto fare i funerali scortati dalla polizia”. Ci sono voluti anni di battaglie legali e numerose testimonianze dei cittadini di Scampia per chiarire l’errore. Tempi che si sono dilatati ulteriormente anche a causa dell’iter burocratico. Intanto i responsabili di questo omicidio non sono mai stati identificati. “Però ultimamente qualcosa si sta muovendo – dice Vincenzo, il padre di Antonio – qualche nome sta venendo fuori anche se sono passati tanti anni”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia, Di Matteo: “Ci stiamo rassegnando, legislazione garantisce impunità ai collusi”

prev
Articolo Successivo

Napolitano, Borsellino durissimo: “Rieletto per garantire silenzio su trattativa Stato-mafia”

next