Ci voleva qualcosa di originale, per distinguersi nell’omologatissimo segmento delle berline medio-grandi in cui comandano le tedesche, perché le giapponesi e le francesi soffrono di una certa diffidenza del mercato. Così la Renault ha deciso di equipaggiare la sua nuova Talisman con un paio di accessori che le altre non hanno, ereditati direttamente dalla monovolume Espace. Il primo è il sistema Multisense, che cambia il “carattere” della vettura a seconda dell’umore del guidatore: attraverso il bottone decorato con un fiore, si accede al menu da cui si possono selezionare le modalità Neutro, Comfort, Eco, Sport e Perso, ossia “personalizzabile”. Ognuna regola fino a 10 parametri, come il colore di display e luci d’ambiente, il rumore del motore, l’aria condizionata, la reazione di motore, cambio automatico, sterzo, sospensioni e ruote posteriori sterzanti.

Sì, sterzanti. Perché il secondo optional che caratterizza la Talisman rispetto alle concorrenti è il sistema 4Control, ormai un classico Renault che esisteva già sulla Laguna ed è offerto anche sull’Espace: le ruote posteriori sterzano leggermente per migliorare agilità e stabilità. Fino a 60 km/h, sterzano in direzione opposta rispetto a quelle anteriori, con un angolo massimo di 3,5°. Oltre i 60 km/h, le quattro ruote si muovono tutte nella stessa direzione, quelle dietro fino a un massimo di 1,9°. In pista, abbiamo effettuato un piccolo test a bassa velocità che simulava l’apparizione improvvisa di un ostacolo, prima guidando una Talisman senza 4Control, poi una con le quattro ruote sterzanti, e abbiamo apprezzato il cambiamento: dopo la brusca sterzata, l’intervento del 4Control rendeva il retrotreno sensibilmente più stabile.

La Talisman è senz’altro un’auto di qualità, spaziosa e piacevole da guidare. Offre i più moderni sistemi di assistenza alla guida, oltre a piccoli vizi come i sedili ventilati e massaggianti, i poggiatesta anteriori pieghevoli e un impianto audio Bose con 13 altoparlanti. Se le si vogliono trovare dei difetti, beh, lo sterzo è molto leggero (diventa piacevole solo egolandolo su Sport), alcune plastiche interne danno l’impressione di rigarsi facilmente e le dimensioni esterne, in particolare la larghezza, imbarazzano un po’ su strada e nei parcheggi. Però i prezzi sono ragionevoli (la versione prevedibilmente più apprezzata in Italia, la dCi 130 in allestimento Intense, costa 34.700 euro) e i motori brillanti ma dalle piccole cilindrate (1.6 i benzina, 1.5 i diesel) dovrebbero convincere più di qualche imprenditore, libero professionista e dirigente. Sono questi i clienti tipo, dice la Renault.

È presto per dire se il design solido, le caratteristiche tecniche e i “vezzi tecnologici” della Talisman le saranno sufficienti per affermarsi in un mercato affollato e nettamente in calo, in Europa: conteggiando anche la grandi crossover, il “segmento D” è passato dal 18% del mercato nel 2005 al 13% nel 2014. “Ma anche considerando solo le berline e le station wagon, si tratta comunque di un settore da un milione di unità l’anno”, dicono i responsabili Renault, per cui vale la pena di combattere per la propria fetta di torta.

Renault Talisman (2015)

Renault Talisman – la scheda

Che cos’è: è la berlina grande della Renault, un modello nuovo che sostituisce la Laguna. È una delle vetture più grandi del segmento D
Come cambia rispetto alla Laguna: i responsabili della Renault continuano a ripetere che i due modelli non hanno niente in comune, e per sottolinearlo hanno anche cambiato nome. Rispetto alla Laguna, la Talisman è più grande e utilizza una nuova architettura dell’alleanza Renault-Nissan, la C/D CMF usata anche per la monovolume Espace
Varianti di carrozeria: berlina e, successivamente, station wagon Sporter
Principali concorrenti: Volkswagen Passat, Opel Insignia, Peugeot 508, Ford Mondeo, Skoda Superb, Toyota Avensis
Dimensioni: lunghezza 4,85 metri, larghezza 1,87, altezza 1,46, passo 2,81
Massa a vuoto in ordine di marcia: da 1.387 a 1.518 a seconda delle versioni
Bagagliaio: da 608 a 1.022 litri con i sedili posteriori abbattuti
Motori a benzina: 1.6 turbo TCe da 150 CV e 1.6 turbo TCe da 200 CV, entrambi abbinati al cambio automatico a doppia frizione EDC a 7 marce
Motori diesel: 1.6 dCi da 130 CV (con cambio manuale a 6 marce o doppia frizione EDC a 6 marce), 1.6 dCI 160 CV con cambio a doppia frizione EDC a 6 marce
La versione che consuma meno: la diesel da 130 CV col cambio manuale, omologata per consumi nel ciclo misto di 3,9 litri ogni 100 km (102 g/km di CO2)
Pregi: una macchina spaziosa e confortevole; belle finiture interne; la trazione 4Control migliora la stabilità
Difetti: dimensioni imponenti; alcune plastiche non sembrano molto durevoli; sterzo leggero (ma regolabile)
Produzione: Douai, Francia
Prezzi: da 30.700 euro (la Tce 150 EDC in allestimento base Zen) a 43.200 (la dCi 160 EDC 4Control nell’attestimento top Initiale Paris); la station wagon costerà 750 euro in più
In vendita: ordinabile da novembre 2015, porte aperte il 13 e 14 febbraio 2016. La station wagon Talisman Sporter arriverà sul mercato la prossima primavera