Questa volta niente citazioni, niente aforismi, niente lezioni. Chissà a che santo si sarebbe potuto votare, e che ridere: magari avrebbe ricordato Depretis o Francesco Crispi oppure avrebbe ripescato Fregoli o almeno Arturo Brachetti. O ancora avrebbe potuto azzardare e buttare lì la Metamorfosi o la Trasfigurazione dei vangeli. Invece, questa volta, il senatore Vincenzo D’Anna, tra i più eruditi e dotati di humour che si possano ascoltare a Palazzo Madama, non ha estratto volumi né ha fissato segnalibri. Potrebbe vincere il campionato d’Europa di citazioni, invece il suo cambio di scena nel giro di un anno e due mesi sulle riforme istituzionali l’ha spiegato al FattoTv in modo quasi banale: “Era ed è una fetenzìa. Una pessima legge; una riforma che metterà nelle mani di due, tre capibastione la vita del Parlamento e tutto il potere. Ma siccome Renzi va nella direzione di riforme di stampo liberale, siamo ben lieti che venga sul nostro versante. E allora potremmo, qualora ce ne fosse bisogno, sostenere il governo”. 

Video e intervista di Manolo Lanaro

Senato - ddl Riforme CostituzionaliEppure nei 19 minuti e 50 secondi con cui, nel luglio 2014, illustrò quanto la riforma del Senato fosse “liberticida” e rischiasse “di consegnare alla sinistra” tutte le istituzioni dalla prima all’ultima, mise a segno una specie di primato: citò – in ordine sparso – Karl Popper, Tommaso Moro, John Locke, Thomas Mann, San Tommaso Aquino (“il più noto tra i miei conterranei casertani”), Ernesto Rossi, Erasmo da Rotterdam (“Evviva Dio che esiste l’Elogio della pazzia!”), Luigi Pirandello e Eduardo De Filippo.

Faceva ostruzionismo contro quella riforma liberticida, lui che invece è liberale. “Non difendiamo i nostri augusti deretani – volle mettere a verbale – ma il diritto degli italiani a eleggersi i propri rappresentanti”. Anzi “se Berlusconi avesse fatto questo, molti di questi sofferenti sarebbero qui con le mutande arancioni a protestare”. Per battersi contro la trasformazione del Senato aveva fatto di tutto. Dal suo seggio, lassù, alle ultime file, aveva chiesto la parola per l’ennesima volta per rallentare il dibattito: “Cambiamento non è sinonimo di miglioramento e chi dissente non è folle”. Di più: “Un liberale è al tempo stesso conservatore quando si tratta di conservare la libertà minacciata ed è questo il caso di un progetto di riforma che priva gli italiani del diritto e della libertà di poter scegliere i propri parlamentari, e radicale ogni qual volta si devono conquistare ulteriori spazi di libertà per il cittadino”. E via di Moro, Locke, eccetera. La riforma del Senato, insisteva, era “un attentato alla democrazia che instaurerebbe un regime“.

Si trattava, per D’Anna, di una battaglia campale tanto che era arrivato a sacrificarsi perfino al cospetto del capo: si era preso in faccia un vaffa tondo tondo da Silvio Berlusconi, una specie di lettera scarlatta che in Forza Italia – ai tempi – poteva marchiare a vita. Faceva caldissimo e lui era al fianco di Minzolini e Bonfrisco contro il Patto del Nazareno. L’ex presidente li voleva convincere che l’intesa per le riforme era una cosa giusta, che serviva al partito, al Paese o forse più semplicemente a lui in persona. E loro niente, e lui che minacciava i probiviri (figurarsi, il partito non li ha nemmeno mai nominati). Lo humour di D’Anna si trasformò così in sarcasmo e nella sala di San Lorenzo in Lucina osò: “Presidente, allora che fai, ci cacci?”. A Berlusconi si può dire tutto, ma quello no: non ci vide più e, invece di tirargli una sedia, mandò D’Anna a quel paese.

Senato - ddl Riforme CostituzionaliDentro Forza Italia, ma liberale e liberissimo. Sempre pronto a organizzare e pattuglie di parlamentari, consiglieri e collettori di voti a sostegno – alternativamente – del bene del Paese, della Regione Campania, delle riforme, del progresso, della stabilità, della pace nel mondo. Lo fece per Berlusconi: nell’accozzaglia dei Responsabili di Scilipoti, Razzi, Caleari e Cesario, lui era della partita. Lo fece contro Berlusconi: fu uno degli spinterogeni di Forza Campania, la repubblica autonoma berlusconiana che da quelle parti Nicola Cosentino, Nick o’ Americano, istituì per fare la guerra a Stefano Caldoro. Lo fece, infatti, anche contro Caldoro: pochi mesi fa fu lui a fondare una lista civica, Campania in rete, a sostegno di Vincenzo De Luca. “Mi arrabbio se dite che la nostra lista è cosentiniana? Sì, perché i nostri 35mila voti sono tutti sudati, uno a uno e Cosentino, al quale sono sempre legato da un forte rapporto umano, è politicamente finito”. Di quei 35mila, 12mila voti sono arrivati dalla provincia di Caserta.

D’Anna, 64 anni, biologo di Santa Maria a Vico, presidente della Federazione nazionale dei laboratori d’analisi, è un ex democristiano. Al suo paese ha fatto anche il sindaco. Per cinque anni ha fatto il deputato, dal 2013 è senatore. Insultatore ma con stile, la Cirinnà del Pd lo mandò a spigare e lui protestò perché rivendicava i diritti. Ha il coraggio di sfidare la presidenza, spesso, lasciandosi andare a quelle che lui, retore professionista, forse chiamerebbe lepidezze, ma anche a parole che non si potrebbe, “perché non consone a quest’Aula e al ruolo” come borbottano sempre dal banco del presidente Grasso o la Lanzillotta o la Fedeli. E’ rimasto nella storia, minuscola certo, quel teatrino del 7 agosto 2014, alla vigilia della prima approvazione delle riforme al Senato: nessuno riuscì a contare esattamente quante volte gridò “deficiente” al collega Lello Ciampolillo dei Cinque Stelle (c’è chi dice tra 10 e 15). E quando Ciampolillo chiese a Grasso di metterlo a verbale e questi cercava di dissuaderlo perché qualcuno avrebbe voluto sottoscrivere, D’Anna non ci pensò più di un secondo: si alzò e non si trattenne, “confermo e sottoscrivo” esclamò al microfono (boato da stadio in Aula).

Senato - Denis Verdini presenta Alleanza Liberalpopolare - AutonomieDi Cosentino è amico. Non perde occasione per ricordare la “vergogna” della custodia cautelare a cui è sottoposto l’ex sottosegretario all’Economia perché accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, in carcere in attesa di giudizio perché ritenuto corresponsabile di una serie di ipotesi di reato contestate al clan dei Casalesi. E fu su Cosentino, forse, che si spense la passione di D’Anna per Berlusconi. Naturalmente anche in quel caso aveva pronto un aforisma (di Platone): “Nel Giardino dei Pensieri la riconoscenza è la prima ad appassire”. (Per la cronaca la colpa di Berlusconi, secondo D’Anna, era stata non dire “una parola sul calvario del carcere preventivo” eccetera). Per un certo periodo è stato considerato fittiano, ma non è andato con i Conservatori e riformisti dell’ex ministro pugliese. Alla fine ha scelto l’intuizione di Denis Verdini che va sotto il nome di Ala, un’altra sigla improbabile che corrisponde a Alleanza Liberalpopolare Autonomie, dopo essere stato l’anima del mitologico gruppo Gal, Grandi autonomie e libertà, che mette insieme una serie composita di pentiti (ex montiani, ex casiniani, ex alfaniani, ex ministri dell’Economia, perfino ex grillini).

Cosentino e Verdini avevano negato, giurato e spergiurato. Ilfattoquotidiano.it aveva raccontato dell’incontro al bar tra l’ex sottosegretario Nick e l’ex editore-banchiere Denis, pochi giorni dopo la nascita del governo Renzi. Obiettivo: costruire una stampella per il presidente del Consiglio. Tutti si stracciarono le vesti. Cosentino se la prese direttamente con il giornalista del Fatto Fabrizio D’Esposito, Verdini ironizzò sugli “Sherlock Holmes” e i “pistaroli” che delineavano “fantomatici scenari”. Ora, per una strana congiunzione astrale, a salvare Renzi potrebbe essere proprio una pattuglia formata da verdiniani e cosentiniani, di cui D’Anna è la sintesi perfetta.

Senato - ddl Riforme CostituzionaliIn quei giorni, mentre Verdini e Cosentino smentivano sdegnati, D’Anna la pensava allo stesso modo. Il suo obiettivo era “salvare Berlusconi dai nazareni”, anche se il vero problema – spiegava – era “salvarlo dai suoi zelatori”, cerchio magico e compagnia. Erano i giorni dell’elezione di Mattarella al Quirinale, la pistola fumante – secondo chi a destra avversava il patto del Nazareno – del fatto che l’accordo sulle riforme fosse una fregatura, altro che la “profonda sintonia”. “Si è dimostrato essere la metodica e costante arrendevolezza di Forza Italia alle tesi e agli interessi di Matteo Renzi”.

Ma con la primavera è sbocciato l’amore e con l’estate la passione: “Che bella intervista” ha commentato estasiato il senatore casertano dopo che Renzi parlò a Cazzullo sul Corriere. Bene le riforme, bene sulla scuola, bene sul lavoro. Così ora il senatore D’Anna tiene il telefono vicino, metti che squilla: “Auspichiamo un processo di avvicinamento di Renzi al centro: se fosse così appoggiando la maggioranza saremmo pronti e anche ad entrare nel governo”.