Una banca “semplice e snella”, si autodefinisce la Banca popolare di Vicenza nel piano industriale 2015-2020 che verrà approvato a settembre. E a guardare i conti semestrali si capisce il perché di quella definizione: dopo le maxi-perdite e svalutazioni del 2014, dopo il taglio di quasi il 25% del valore delle azioni (non quotate), la banca ancora presieduta da Gianni Zonin serve un’altra tegola ai suoi azionisti. In seguito agli accertamenti ispettivi della Bce, la banca vicentina chiude il semestre con una perdita di oltre 1 miliardo di euro, ratios di vigilanza quasi dimezzati ed è costretta a effettuare un nuovo aumento di capitale da 1,5 miliardi di euro. “Semplice e snella” è un eufemismo per dire che non è rimasto sostanzialmente più nulla, se non gli sportelli e poco altro.

Dalle risultanze degli accertamenti del team ispettivo della Banca centrale europea è emerso che la Popolare di Vicenza ha erogato finanziamenti per 974,9 milioni ai propri clienti per fargli comprare azioni della banca. Un fatto gravissimo che ha ripercussioni molto pesanti sul patrimonio dello stesso istituto: la Vicenza è stata costretta a iscrivere a bilancio una riserva indisponibile di 611,6 milioni di euro e ad accantonare ai fondi per rischi e oneri per 339,7 milioni di euro. Dalle verifiche sono emersi inoltre altri profili di rischio connessi a posizioni specifiche per ulteriori 26,5 milioni. Detto questo, su indicazione della Bce, la banca ha dovuto applicare un “filtro prudenziale”, riducendo di fatto i fondi propri di oltre 622 milioni di euro.

Quanto al clamoroso risultato semestrale, che evidenzia un rosso “monstre” di 1,053 miliardi di euro, è stato in buona parte determinato da nuove rettifiche di valore sui crediti per 703 milioni di euro, rettifiche di valore sulle attività finanziarie disponibili per la vendita e sulle partecipazioni per altri 119 milioni, nuovi accantonamenti a fondi rischi e oneri per oltre 380 milioni e, infine, ulteriori rettifiche sugli avviamenti di Banca popolare di Vicenza e di Banca Nuova per complessivi 268 milioni. Avviamenti che sono stati svalutati dell’81,5% del valore residuo.

Come conseguenza i coefficienti patrimoniali sono letteralmente crollati: il Common equity Tier 1 è sceso al 6,81% dal 10,44% di fine 2014 e il Total capital ratio è precipitato al 7,63% dall’11,55%. A fronte di ciò dovrà essere realizzato un nuovo aumento di capitale da 1,5 miliardi di euro e gli azionisti che saranno chiamati a sottoscriverlo entro primavera saranno gli unici a pagare davvero per i “giochetti” fatti dai vertici dell’istituto sulle azioni e sui bilanci della banca che – come hanno dimostrato le verifiche ispettive – non riflettevano la realtà dei fatti, cioè erano falsi.

Curioso che per anni la Banca d’Italia non si sia accorta di nulla e che – a fronte della gravità dei comportamenti emersi che hanno messo a serio rischio la stabilità patrimoniale della banca – non si sia provveduto al commissariamento o alla rimozione dei responsabili, a partire dal presidente Zonin.

A pagare sono stati invece i correntisti cui indebitamente erano state addebitate spese e commissioni negli scorsi esercizi che in questo semestre la Popolare di Vicenza si è vista obbligata a restituire: a questo e alla minor incidenza “della commissione di istruttoria veloce” si deve il crollo della voce “Altri proventi netti” che è passata dai 28 milioni del 30 giugno 2014 a un dato negativo di 104mila euro. E a pagare il conto salato della gestione Zonin saranno presto anche i dipendenti: la banca “semplice e snella” raccontata dal nuovo piano industriale, sarà infatti una banca con meno organico. Per la gestione degli esuberi, si prevede infatti l’apertura del confronto con le organizzazioni sindacali subito dopo l’approvazione del piano industriale. Detto questo, il problema principale all’orizzonte è quello di dare la Vicenza in sposa a qualcuno. Cosa che con ogni probabilità si tradurrà in ulteriori tagli di organico e di ulteriore perdita di valore delle azioni, il cui valore è ancora fantasiosamente fissato all’astronomica cifra di 48 euro per azione.