Se amate le bolle di sapone e gli artisti di strada questo è il film per voi. Come forse sapete sono un video ritrattista (non solo, ma ci tengo alla qualifica) e nella mia personale collezione di esseri umani mancava l’artista di strada che gioca con le bolle di sapone. Non so il segreto di queste bolle e non voglio saperlo, forse è la glicerina liquida abbinata allo zucchero a velo, ma perché tentare di scoprire la ricetta di una magia? A me basta la magia, e lo stupore lucente che ho letto negli occhi dei bambini. Conosco Simona da poco, mi ha chiamato dicendomi che aveva visto alcuni miei ritratti e che le sarebbe piaciuto un ritratto alla sua professione. Le ho detto di sì, mi piace dire di sì, mi fa sentire bene. Mi ha pagato con una bottiglia di vino bianco e un vasetto di miele fatti da sua sorella, un pagamento dolcissimo e appropriato. L’ho filmata nel suo giardino durante le prove dello spettacolo, poi ho filmato il suo spettacolo e la gioia dei bambini, e il giorno dopo siamo andati sulla spiaggia libera con suo figlio Pietro a fare le bolle di sapone. Mi sono divertito moltissimo. Simona ha la grazia di una danzatrice, e le bolle di sapone sono una emanazione della sua grazia. Il mondo è meno crudele quando una bolla di sapone danza nell’aria. Abbiamo un bisogno infinito di un mondo meno crudele. E vi farò una confessione: sono un appassionato di tutto ciò che è fragile. In una bolla di sapone si rispecchia l’universo, il sogno e l’oblio, è una perfezione tremante che rischia da un momento all’altro di svanire, ma la sua magia è proprio in questa fragilità, come la vita del resto. Un soffio, una bolla e poi l’eleganza del nulla.

Aforimsma del giorno:
La vita è così bella che ci lascia senza fiato.
Per sempre.