Prima si è autosospeso, annunciando implicitamente le dimissioni. Poi ha gridato al metodo Boffo. È stata una giornata fondamentale per gli equilibri politici siciliani. Ma è stata una giornata indimenticabile anche  – e forse soprattutto – per la storia personale di Rosario Crocetta. Questa mattina il governatore si è svegliato leggendo l’anticipazione del settimanale L’Espresso, in edicola domani. “Lucia Borsellino? “Va fatta fuori come suo padre”, è la frase che Matteo Tutino, ex primario di chirurgia plastica dell’ospedale Villa Sofia di Palermo, avrebbe rivolto al governatore in un’intercettazione pubblicata dal settimanale. Il riferimento è per Paolo Borsellino, padre di Lucia, il magistrato saltato in aria nell’inferno di via d’Amelio il 19 luglio del 1992. Secondo l’Espresso, il presidente siciliano non avrebbe replicato alla minaccia telefonica di Tutino, che è da anni il suo medico personale, indirizzata alla donna scelta nel 2012 dallo stesso Crocetta per guidare l’assessorato alla Sanità. Nessuna reazione davanti a quelle parole da parte del presidente che sostiene da anni di voler combattere la mafia in tutte le sue forme. Sull’isola, e non solo, è subito bufera: in poche ore sono decine le richieste di dimissioni piovute su Palazzo d’Orleans, soprattutto dai vertici del Pd, il partito del presidente siciliano.Il governatore ha subito replicato sostenendo di “non aver sentito la frase su Lucia“.  Poi si è autosospeso dalla carica di presidente della Regione, affidando la reggenza a Baldo Gucciardi, ex capogruppo del Pd all’Ars, nominato due giorni fa assessore alla Sanità proprio per sostituire la Borsellino. I colpi di scena però erano soltanto all’inizio.

La procura smentisce: “Intercettazione non risulta”. Espresso conferma.
Dopo alcune ore dall’autosospensione del governatore, infatti, arriva la smentita da parte della procura di Palermo: “Agli atti di questo ufficio non risulta trascritta alcuna telefonata tra Tutino e Crocetta”, dice il procuratore capo Francesco Lo Voi. “I carabinieri del Nas – ha aggiunto Lo Voi – hanno escluso che conversazioni simili siano contenute tra quelle registrate nel corso delle operazioni di intercettazione nei confronti di Tutino”. La Procura ha specificato di avere fatto ricontrollare tutte le registrazioni relative all’inchiesta su Tutino sia dai Pm titolari dell’inchiesta che dai carabinieri del Nas. Nell’ufficio di Lo Voi sono state sentite le telefonate alla presenza del procuratore aggiunto Leonardo Agueci, del pm Luca Battinieri e del capo del Nas di Palermo, il capitano Giovanni Trisirò. Nella tarda mattinata l’avvocato Vincenzo Lo Re aveva avuto un colloquio con il procuratore capo di Palermo. “E’ vero che la Procura smentisce? Oggi mi hanno ammazzato…”, commenta il governatore dopo aver appreso del comunicato stampa della procura.” “Metodo Boffo? – continua il governatore – Peggio, d’ora in poi si può parlare di ‘metodo Crocettà. Volevano farmi fuori. La verità è che oggi sono stato ucciso“. L’Espresso, in una nota, però “ribadisce quanto pubblicato. La conversazione intercettata tra il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta e il primario Matteo Tutino risale al 2013 e fa parte dei fascicoli segretati di uno dei tre filoni di indagine in corso sull’ospedale Villa Sofia di Palermo”.

Lucia Borsellino: “Provo vergogna per loro”
L’intercettazione che inguaia Crocetta arriva dopo settimane convulse: tre assessori dimessi in pochi giorni, una mozione di sfiducia annunciata e l’arresto di Tutino,con l’accusa di falso, abuso d’ufficio, truffa e peculato. Alla luce delle parole intercettate, sembrano acquisire un senso le dimissioni di Lucia Borsellino da assessore alla sanità, arrivate appena pochi giorni fa. “Prevalenti ragioni di ordine etico e morale e quindi personale, sempre più inconciliabili con la prosecuzione del mio mandato, mi spingono a questa decisione”, aveva detto la figlia di Paolo Borsellino facendo un passo indietro, subito dopo l’arresto di Tutino, il 29 giugno scorso. Ed è indagando sul medico che la procura di Palermo registra quelle parole. “Non posso che sentirmi intimamente offesa e provare un senso di vergogna per loro“, è il commento di Lucia Borsellino. “Non rinnego nulla – ha continuato – ho fatto quello che potevo in un contesto, evidentemente, poco edificante”.

Il governatore: “Non ho sentito quella frase, una cosa terribile”
In un primo momento il governatore aveva sostenuto di non avere incredibilmente sentito la frase vergognosa pronunciata dal suo medico al telefono: “Non ho sentito la frase su Lucia, forse c’era zona d’ombra, non so spiegarlo; tant’è che io al telefono non replico. Ora mi sento male. Voglio essere sentito dai magistrati su questa storia della frase di Tutino. Quello che mi sta accadendo oggi e la cosa più terribile della mia vita. Dimettermi? Sono accusato di qualcosa? Ho fatto qualcosa? Il destino della Sicilia può essere legato a una frase, che non ho sentito, pronunciata dal mio medico? Non lo so”, aveva detto Crocetta, che poi ha deciso di autosospendersi.  “Il mio assistito, con il quale ho parlato, nega nel modo più assoluto di avere mai pronunciato quella frase su Lucia Borsellino”, è invece il commento l’avvocato Daniele Livreri, difensore di Matteo Tutino.

Faraone: “Dimissioni inevitabili”
Nel frattempo però il clima politico s’infiamma. “Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha telefonato a Lucia Borsellino per esprimerle “la sua solidarietà”. “Parole schifose che offendono la dignità di Lucia Borsellino, la memoria di Paolo, la Sicilia e l’Italia intera. Un abbraccio a tutta la famiglia Borsellino”, è stato il commento del presidente del Senato Pietro Grasso. “Inevitabili dimissioni Crocetta e nuove elezioni. Quelle parole su Lucia Borsellino una vergogna inaccettabile” scrive su twitter il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone. Appena due settimane fa Faraone era entrato in pesante polemica con lo stesso Crocetta. “Parla come Salvo Lima e Vito Ciancimino” aveva detto il governatore.

Richieste di dimissioni arrivano anche dal gruppo parlamentare regionale del Movimento 5 Stelle, da Sel, Da Forza Italia e dal Nuovo Centrodestra. Il premier Matteo Renzi, in mattinata, ha telefonato alla figlia del giudice assassinato. Lo stesso hanno fatto il ministro dell’Interno Angelino Alfano e quello della Salute Beatrice Lorenzin  per esprimerle “sdegno, affettuosa vicinanza e solidarietà per quelle parole che pesano in modo gravissimo e incancellabile sulla coscienza di chi le ha pronunciate”. “Le notizie di stamane ci spingono a prendere atto che, a questo punto, andare avanti è praticamente impossibile. È il momento che, innanzitutto il presidente della Regione, valuti l’opportunità di chiudere la legislatura“, dice invece Antonello Cracolici, capogruppo del Pd all’Assemblea regionale siciliana.

Anche i vertici nazionali del Partito Democratico prendono posizione. “Un paladino dell’antimafia come Crocetta sa che i silenzi possono fare più male delle parole. A Lucia Borsellino tutta la mia solidarietà”, scrive su Twitter il vicesegretario Debora Serracchiani. Il parigrado Lorenzo Guerini parla di parole “gravi, inaccettabili e provocano ribrezzo. Chiediamo che Crocetta chiarisca, anche se il tutto appare purtroppo abbastanza chiaro”. L’hashtag #Crocettadimettitì, è stato lanciato su Twitter da Beppe Grillo, che invitato la Rete a fare pressing sul governatore per fare un passo indietro.