“L’Eni ha dato vita a un sistema corruttivo internazionale, un sistema criminogeno che si regge su tre gambe”. La seconda tappa della campagna elettorale per le Regionali di Beppe Grillo è l’Eni: dopo la marcia per chiedere l’approvazione di una legge sul reddito di cittadinanza, il leader del Movimento 5 Stelle si è presentato all’assemblea degli azionisti dell’azienda e ha attaccato gestione e scarsa trasparenza del sistema. “Abbiamo un sospetto”, ha detto nel suo intervento poi interrotto dalla presidente Emma Marcegaglia (“Attento a quel che dice, ne è responsabile”. E lui: “Ma non ho detto nemmeno una parolaccia“), “che dietro questa gestione così scellerata ci sia la volontà di gettare l’azienda in pasto ai privati, come è stato fatto per tanti altri gioielli italiani. Abbiamo chiesto una commissione d’inchiesta su Eni e su Saipem”. E ha poi aggiunto: “Qui ci sono stipendi da nababbi e liquidazioni a sette zeri, mentre gli azionisti sono cornuti e mazziati”. Il comico torna a calcare i palchi di un’assemblea degli azionisti, come già in passato aveva fatto con Telecom e Mps, proprio pochi giorni dopo che la polemica sulle sue frasi su Veronesi e gli spot sulle mammografie aveva messo in difficoltà la campagna elettorale per le elezioni di fine maggio.

Grillo, che è potuto intervenire grazie alla delega di un’azionista, ha messo sotto accusa il modello Eni e parlato del coinvolgimento del governo nelle scelte dell’azienda. A rispondergli è stato l’amministratore delegato Claudio Descalzi nel corso dell’assemblea: “Ci siamo fatti riconoscere e accettare nei Paesi in cui siamo presenti con gli investimenti a livello locale. E’ quello che caratterizza Eni dai tempi di Mattei. Quello che ci ha permesso di essere accettata senza avere alla spalle Usa, Regno Unito o Francia. Il nostro modello è proprio l’opposto di ‘deprediamo’. Lo dice solo chi non conosce la nostra società. Non lo dico con aggressività ma con passione”. Tra le accuse del comico ci sono stati anche i comportamenti dei dirigenti dell’azienda che, ha detto, “si portano a casa milioni tra stipendi, benefit, liquidazioni e stock option e ora mandano in cassa integrazione migliaia di persone”. Anche su questo punto ha ribattuto Descalzi: “Non abbiamo piani di stock option, né per il top management né per il medium. La parte di bonus variabile ai dirigenti è legata alla performance”.

Video di Manolo Lanaro

 

Nel suo intervento il leader M5S ha chiesto l’inserimento di una clausola di onorabilità per i manager, quella norma voluta dal governo Letta che sancisce la decadenza degli amministratori indagati o condannati in primo grado e che è stata bocciata dagli azionisti dei gruppi pubblici. “La legge”, ha risposto poi Marcegaglia, “prevede che gli amministratori delle società quotate debbano rispettare specifici requisiti di onorabilità e questo è anche richiamato dallo statuto dell’Eni. Sono oggetti di verifiche periodiche. La cosiddetta clausola etica sottoposta dal ministero dell’Economia lo scorso anno evidenziava ulteriori termini restrittivi. L’Assemblea non l’ha approvato per il voto contrario compatto degli azionisti di minoranza che ha bloccato la proposta”.

Grillo ha poi definito l’ex ad dell’Eni Paolo Scaroni un pregiudicato e dell’attuale guida ha detto: “Di Descalzi penso tutto il male possibile. Queste perone non dovrebbero avere cariche pubbliche. Si sono divisi miliardi di tangenti con sovvenzioni di governi di destra e sinistra”. Proprio oggi, gli avvocati dell’ex ad di Saipem in Algeria Tullio Orsi, hanno confermato al Corriere della Sera che il manager è orientato a patteggiare l’accusa di corruzione con quasi 3 anni di pena. In queste ore si tiene l’udienza preliminare a Milano per il caso delle presunte tangenti ai politici algerini e per il quale è stato chiesto il rinvio a giudizio di 7 persone, tra cui anche l’ex ad Scaroni.

Il leader M5S nel suo intervento ha messo in discussione il rapporto tra l’azienda e l’esecutivo. “C’è un disegno criminoso del governo”, ha aggiunto, “nelle nomine aziendali di Eni e partecipate. Sono tutti nomi di navigata esperienza politica spesso conosciuti alle Procure. Non ultima la nomina di Descalzi coinvolto in inchieste su Kazakistan e Nigeria. Si è mantenuto per anni un sistema colluso e radicato profondamente nell’azienda, completamente opaco nei confronti dei cittadini. Eni di fatto costruisce da anni sulla corruzione internazionale la politica estera di tutti i governi che si sono succeduti, di destra di sinistra, di centro e di quest’ultimo che non so come definire. Il ministero del Tesoro finge di non sapere”. Su questo punto ha però precisato Marcegaglia: “Il procedimento sulle attività di Eni in Kazakistan non vede indagato l’amministratore delegato”.

E poi lo stesso Descalzi ha ribadito: “Il nostro modello è quello del ‘double flag‘. Siamo unica società che invece di produrre per solo esportare, come tutti fanno perché si guadagna di più, produce anche localmente. Abbiamo iniziato in Libia, Nigeria, in Congo e lo faremo in Mozambico. Il gas lo sviluppiamo per la parte domestica. Investiamo soldi in un’area in cui non c’entriamo soprattutto perché vogliamo farci accettare e riconoscere”.

Il leader M5S ha detto di voler parlare in difesa delle aziende pubbliche: “Perdiamo pezzi straordinari: erano eccellenze italiane e ora le lasciano lì come cadaveri. Le good company se le tengono loro”, ha detto, “e le bad company ce le danno a noi senza neppure una salvaguardia dei posti di lavoro. Queste persone si sono portate a casa stipendi, stock option, beni e liquidazioni mentre mandano migliaia di persone in cassa integrazione. Deve finire questo sfacelo che permette alle persone di arricchirsi sulle spalle dei lavoratori”, ha concluso citando il caso della Saipem dove, ha ricordato, lavorava suo padre.