“Cosa è cambiato rispetto a quando l’allora premier Mario Monti bocciò l’ipotesi di una candidatura di Roma? La mia amministrazione ha tagliato 550 milioni di euro di sprechi“. Così il sindaco di Roma, Ignazio Marino, risponde ai cronisti che gli chiedono della candidatura alle Olimpiadi della Capitale. “Adesso – dice il sindaco  –  abbiamo un bilancio sano e siamo tornati a fare bilanci di previsione l’anno prima e non l’anno dopo. Abbiamo tutte le carte in regola”. E, a quanti gli chiedono se non sia il momento giusto a causa dell’inchiesta su Mafia Capitale, Marino risponde: “Roma è una città straordinaria, l’unica città in competizione con una storia di 3000 anni e l’unica che il pianeta riconosce come capitale del Mondo, abbiamo davvero grandi elementi se vogliamo candidarci a qualunque cosa”