E’ morta a 90 anni Nadine Gordimer, una delle più note scrittrici sudafricane. Vincitrice del Booker Prize negli anni Settanta e del premio Nobel per la letteratura nel 1991, Gordimer è sempre stata dalla parte dei diritti umani, manifestando attraverso le sue pagine una lunga lotta contro l’apartheid.  La scrittrice sudafricana si è spenta ieri sera nella sua casa di Johannesburg; l’annuncio della scomparsa è stato dato dalla sua famiglia, precisando che Gordimer è morta “serenemente” circondata dall’affetto dei suoi figli, Hugo e Oriane. 

Storica attivista, quando Nelson Mandela venne liberato Nadine Gordimer fu una delle prime persone che volle vedere. È a casa sua che si riunirono per lungo tempo gli esponenti dell’African National Congress che avevano bisogno di un rifugio sicuro. Due mesi fa, in un’intervista a La Repubblica per l’uscita italiana del suo romanzo Racconti di una vita, l’autrice aveva rivelato di essere gravemente malate. Quell’ultima intervista, era stata anche l’occasione per annunciare che si sarebbe ritirata dalla scena proprio per le poche energie che che il cancro al pancreas le lasciava.