Il Movimento 5 Stelle critica duramente il progetto di riforme targato Pd-Forza Italia con Nicola Morra che continua a chiedere l’elezione diretta dei senatori e Crimi che sottolinea come il testo sia ancora una scatola vuota  di Manolo Lanaro