Viene servita ripiegata a portafoglio, avvolta nella carta paglia, come avviene ormai quasi solo nel centro storico di Napoli. La più classica delle pietanze partenopee, nonché uno dei simboli per eccellenza della gastronomia italiana, è protagonista di una novità nel mondo street food. Mangiare un trancio di pizza per strada, magari mentre si passeggia, non è cosa nuova, vi starete dicendo. Stavolta, però, è la pizzeria stessa a farsi itinerante. L’idea è venuta a Giovanni Kahn della Corte, manager del Gruppo Rossopomodoro: trasferire tutto il necessario su un’Apecar (esiste già un altro esempio del genere, a Napoli, ricordate APEritivo?) con la quale muoversi per le vie della città. 

Il suggestivo mezzo a tre ruote (ribattezzato – a pronunciarlo provateci voi! – johnnyrossoapepomodoro) ha fatto il suo debutto lo scorso ottobre durante la notte bianca al Vomero, è stato presente al Gran Premio Lotteria all’Ippodromo di Agnano e poi da Napoli si è spostato a Roma in occasione della fiera Moto Days. Nelle tre occasioni l’Apecar ha sfornato in tutto 2600 pizze. È dotata infatti di un forno a legna, con canna fumaria smontabile e sponde apribili su tre lati per agevolare il lavoro del pizzaiolo e del fornaio.

Le caratteristiche di questa pizza sono l’impasto a doppia lievitazione, il condimento a base di pomodorino giallo e le foglie di basilico fresco, staccate direttamente da una piantina presente sull’Apecar. Curiosi di assaggiarla? Il prossimo appuntamento, dall’8 al 10 giugno, è a Castel dell’Ovo nelle giornate di Vitignoitalia. Nei mesi estivi la pizzeria su tre ruote arriva a Roma e parcheggia a Ponte Milvio, dove potrete trovarla per tutta la stagione. A settembre, invece, l’Apecar di Rossopomodoro riparte, pronta a inebriare le strade di Londra con il profumo della pummarola sulla pizza appena sfornata.

(La foto è tratta dalla pagina Facebook)

www.puntarellarossa.it