Coi club “Forza Silvio” dobbiamo preparare 120mila persone, due per sezione, di buona cultura, che sappiano resistere alla grande tradizione dei brogli che appartiene alla sinistra. I nostri amici democristiani hanno fatto uno studio su 10 sezioni e il loro parere è che a febbraio a noi sono stati sottratti da 1.600.000 voti in su”. Lo afferma Silvio Berlusconi, intervenuto telefonicamente alla reunion per gli auguri natalizi, organizzata dal coordinamento provinciale di Como di Forza Italia. Le parole del Cavaliere, immortalate nel filmato di Qui Como, vertono sull’organizzazione strategica dei club a lui intitolati: “Dobbiamo mettere in campo delle squadre di nostri missionari di libertà, che vadano a fare il “porta a porta” per riconquistare due categorie di elettori al prossimo voto: gli elettori del M5S e quel 40% di elettori che o non è andato a votare o non vuole votare. Sono tutti voti da conquistare e in totale sono , pensate, 24 milioni di voti. I sondaggi e gli organizzatori” – continua – “hanno deciso di chiamare questi club “Forza Silvio”, perché in un momento in cui Silvio è attaccato, la gente sta con lui, condivide le nostre posizioni fisiologiche e vuole dimostrare la sua vicinanza nei miei confronti”. Berlusconi annuncia anche che non si ricandiderà: “In queste prossime elezioni io non sarò in campo. Ma sono sicuro che questa sentenza scandalosa ed eversiva verrà annullata, però i tempi sono lunghi. E quindi, vedremo. Però ricordiamoci che ci sono partiti come il M5S che non ha nel suo leader un parlamentare come Grillo, che non scende in campo direttamente e per elezioni”. E, come un déjà vu, ecco la missione dei club “Forza Silvio”: “Dobbiamo scendere in campo e assolutamente continuare a contrastare queste forze della sinistra che hanno degli obiettivi molto precisi. Sul piano patrimoniale sempre fondamentale per loro è l’obiettivo di redistribuire la ricchezza, togliendo alla borghesia e dando alle persone che hanno meno. Ci aspetterebbe qualcosa del genere” – prosegue – “se loro dovessero andare al potere, come purtroppo accade adesso con un governo di sola sinistra che ha la stampella del Nuovo Centrodestra”. Il Cavaliere rincara: “Ricordiamoci sempre che è una sinistra che non ha mai rinnegato la sua storia, né la sua ideologia, che resta sempre e comunque l’ideologia più disumana e criminale della storia dell’uomo. Non è cambiato molto rispetto al ‘94. L’unica differenza è che ora, oltre alla sinistra, c’è in campo un potere che si chiama “magistratura democratica”, un ordine dello Stato che ha questo terribile potere per incidere sulla vita degli altri, togliendo la libertà, e anche andando a incidere sul patrimonio dei singoli”. E aggiunge: “Oggi nessuno di noi può essere sicuro dei propri diritti, dei propri beni e della propria libertà”