La nona edizione della Conferenza dei Ricercatori italiani nel mondo si è tenuta nella giornata di sabato 14 dicembre a Houston, Texas, promossa come sempre dal comandante Vincenzo Arcobelli, presidente del COMITES (Comitato Italiani all’Estero) della circoscrizione di Houston (ndr: Texas, Oklahoma, Louisiana, Arkansas), in cooperazione con il C.T.I.M. ecol Consolato Generale della stessa Circoscrizione, retta attualmente dal Console Generale dott. Fabrizio Nava.

Anche quest’anno l’iniziativa ha marcato un grande successo di partecipazione e di interesse per i suoi contenuti tecnici e scientifici ed è arrivata a concludere brillantemente l’anno della “Cultura Italiana negli Stati Uniti”, un progetto culturale nato nel 2012 sotto l’egida del Ministero degli Esteri e l’alto patrocinio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Ricerca, scoperta e innovazione sono stati il filo conduttore dell’Anno della Cultura, con l’obiettivo di presentare l’Italia come Paese all’avanguardia nella scienza, nell’innovazione e nelle produzioni di qualità dimostrando quindi la capacità dell’Italia di interagire con le iniziative culturali avviate negli Stati Uniti utili ad intensificare e rafforzare i legami scientifici e culturali con il nostro Paese.

Il Console Generale dott. Fabrizio Nava, nel suo saluto conclusivo, ha ricordato l’apporto dato nel campo della ricerca dalle centinaia di connazionali che lavorano nel Texas Medical Center e nella NASA, oltreche in innumerevoli altre realtà di altissimo livello, e ha voluto mettere in rilievo il positivo impatto che l’Anno della Cultura ha avuto nell’ambito dei rapporti tra l’Italia e questa parte degli Stati Uniti, accolta con grande interesse anche dalle autorità locali, come dimostrano le “Proclamazioni” che istituiscono lo “Year of Italian Culture Day” annunciate dai Sindaci di Houston e Austin (Texas) e Tulsa (Oklahoma), e specialmente la Proclamation in settembre del “Italian Culture Month” nello Stato dell’Oklahoma annunciata dal Governatore Mary Fallin.

Un ringraziamento particolare è stato dato anche all’astronauta italiano Luca Parmitanoche ha lavorato per sei mesi intorno alla terra nella Stazione Spaziale Internazionale portando alto il nome del nostro Paese.

Un caloroso messaggio di saluto e ringraziamento è stato dato anche dal presidente della Conferenza e presidente del COMITES di Houston, comandante Vincenzo Arcobelli il quale ha voluto sottolineare il grande successo ottenuto ancora una volta dalla Conferenza, che ha visto la partecipazione di circa 50 relatori arrivati a Houston da diverse località TexaneStatunitensiEuropee e Sud Americane a presentare le proprie invenzioni e sperimentazioni relative ai vari settori della medicinaingegneriafisicaaerospaziononché a materie umanistiche e letterarie.

A riprova della vitalità della ricerca italiana in Texas e del suo potenziale per il nostro Paese è stato avviato il corso di dottorato in biomedicina e neuroscienze organizzato congiuntamente dall’Università di Palermo e la U.T.M.B., University of Texas Medical Branch di Galveston. Un dottorato che sara’ riconosciuto da entrambe le istituzioni accademiche.

Come dimostrazione che la scienza non ha confini è stato fatto un collegamento in diretta con la stazione di Ricerca Mario Zucchelli della XXIX spedizione in Antarctica dove 2 ricercatrici italiane hanno potuto raccontare la loro singolare esperienza scientifica e salutare con emozione ed entusiasmo i loro colleghi riuniti a Houston.

Anche quest’anno sono arrivati numerosi messaggi di apprezzamento e riconoscimento da parte delle più alte cariche dello Stato Italiano e Texano, rivolti soprattutto ai veri protagonisti di queste iniziative: i nostri  ricercatori, che si distinguono per l’elevatissimo livello accademico e scientifico dei loro studi e per le loro ricerche, capaci di portare lustro e benefici anche economici alla nostra Nazione.

In rappresentanza del Parlamento Italiano era presente il Senatore Renato Turano, che  ha portato i saluti ufficiali del presidente del Senato, Pietro Grasso e del presidente del Consiglio, Enrico Letta.

P.S. Per chi fosse interessato, la relazione completa (in inglese) della manifestazione può essere scaricata dal link:  http://houston.comites-it.org/conferenza2013.pdf