The hydraulic fracturing stimulation technique pumping energized fluids introduced in the Roseto-Montestillo field has proved to be very successful in recovering well productivity

Eni Exploration & Production, 15-17 Aprile 2013, Cairo

Durante il periodo 15-17 Aprile 2013 un gruppo di ricercatori Eni ha presentato un lavoro dal titolo Revitalizing Mature Gas Field Using Energized Fracturing Technology In South Italy presso la 2013 North Africa Technical Conference and Exhibition a Il Cairo, Egitto.

Gli autori, Luis E. Granado, Roberta Garritano, Raffaele Perfetto, Roberto Lorefice, Roberto L. Ceccarelli, tutti dell’Eni, affermano di avere rivitalizzato un pozzo di gas già sfruttato in passato usando nuovissime tecniche di fratturazione idraulica che includono l’uso di fluidi “energizzanti” a base di zirconati.

Il campo scelto è quello di Roseto-Montestillo, nei pressi di Lucera, in provincia di Foggia e la concessione è la Tertiveri.

Nel testo si dice che a causa della delicatezza delle operazioni, si sono dovuti usare molti accorgimenti in tutte le fasi di progettazione, trivellamento, completamento e successiva stimolazione dei pozzi. E’ stato necessario usare elevatissime pressioni di pompaggio e hanno avuto problemi con i proppanti, che servono a mantenere aperte le fessure dopo le operazioni di fracking. Alla fine però sono arrivati ad ottimi guadagni in produttività e allo stesso tempo hanno ridotto il quantitativo dei fluidi di perforazione.

Purtroppo l’unico sito su cui la notizia è reperibile è quello della “Society of Petroleum Engineers” e i dettagli sono pochi.

Sui siti ministeriali non vi è traccia di tale intervento: i pozzi nella concessione Tertiveri sono elencati tutti come in produzione o non produttivi e non vi sono altre specifiche.

Le domande che ci si pongono allora sono sempre le stesse:

Perché queste cose le dobbiamo apprendere dalla “Society of Petroleum Engineers” in un convegno al Cairo e non da appositi enti informativi italiani?

L’Eni aveva i permessi per fare fracking? Cosa esattamente hanno pompato nel sottosuolo? Quanto tempo sono durate queste operazioni? Quando è successo? La gente lo sapeva? Cosa viene dopo a Lucera? E in quali altre località si vuole fare fracking in Italia?

I nostri ministri lo sanno cos’è il fracking? Che ne pensano?

E veramente vogliamo andare avanti cosi, a casaccio? Che chi prima arriva fa un po’ quel che gli pare e poi lo dobbiamo venire a sapere da una mezza paginetta di un convegno in Egitto? E se non c’era il convegno quando l’avremmo saputo?

Cosa aspettiamo ad aprire un dialogo nazionale, non solo sul fracking ma in generale sul modo in cui intendiamo proteggere (o non proteggere) il sottosuolo dalle trivelle – di petrolio, gas, con fracking, senza fracking, in mare, in terra o per stoccaggi di dubbia utilità? 

Infine: perché non seguiamo l’esempio della Francia che ha vietato il fracking già nel 2011?