E’ “irricevibile qualunque ipotesi di condono edilizio“. Questa la posizione espressa dal ministro dell’Ambiente Andrea Orlando sulla proposta avanzata dal presidente della Commissione Giustizia del Senato, Francesco Nitto Palma, nel corso della conferenza stampa di presentazione della campagna Oasi 2013 del Wwf per la natura d’Italia.”Non ci sono le condizioni – ha detto il ministro – neanche per ipotizzare un condono edilizio perché il nostro territorio è già stato massacrato da interventi di consumo indiscriminato del suolo e, a maggior ragione, di interventi illegali”.

“Penso invece – ha aggiunto Orlando – che si debba riprendere il lavoro fatto dal governo precedente che, tra l’altro  aveva raccolto il consenso di tutte le forze politiche di maggioranza che sostenevano il governo Monti. Un lavoro finalizzato ad un utilizzo razionale e ad una limitazione del consumo del suolo in difesa di attività che, e mi riferisco all’agricoltura, hanno dato un saldo positivo in termini di occupazione seppure in un periodo di crisi”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fracking: cosa aspettiamo ad aprire un dialogo nazionale?

next
Articolo Successivo

Neoruralità: territorio e beni comuni

next