Matteo Renzi sfida Silvio Berlusconi: “Ho sentito che si ricandida a premier, mi piacerebbe sfidarlo”, ha affermato al Tg5 il sindaco di Firenze, ormai sempre più allo scontro con il segretario del Pd Bersani. Quanto a Berlusconi, alcuni “lo vogliono mandare in galera, ma io lo voglio più semplicemente mandare in pensione”. 

E ce n’è anche per Bersani, che ieri aveva bollato come “indecente” l’appello dell’ex rottamatore a “fare presto” per dare un governo al Paese. “Mi spiace che Bersani cerchi l’insulto e l’accusa per di più tra persone dello stesso partito”, si è lamentato Renzi. “Io ho soltanto detto insieme a tanti altri, persino la Cgil, che bisogna fare presto”. Con stilettata finale al segretario: “Mi spiace che i destini personali di Bersani siano più importanti”.

Fuori dalla “linea” le opinioni sui possibili candidati per il Quirinale. Renzi boccia Franco Marini, in quanto senatore già bocciato dagli elettori in Abruzzo alle ultime elezioni, e attacca Anna Finocchiaro nella scorsa legislatura capogruppo del partito al Senato – ricordando le foto della sua spesa all’Ikea con la scorta e, per questo motivo, poco adatta, a suo dire, per un messaggio anticasta (la Finocchiaro aveva già spiegato a suo tempo che chi è scortato lo è sempre, anche negli impegni privati).