Bersani farà un patto con il Pdl di Silvio Berlusconi per formare un governo. Sarà questa per Beppe Grillo la conseguenza del suo no alla fiducia al Pd e in un’intervista alla Bbc si dice tuttavia convinto che il governo “durerà un anno al massimo e poi ci saranno nuove elezioni. E ancora una volta, nelle urne, il Movimento 5 Stelle, cambierà il mondo”. Sul blog il leader M5S ha infatti spiegato che non intende stringere alleanze politiche, nè coi democratici nè con altri partiti anche se la base ha protestato invitandolo a “farsi da parte” per “lasciare lavorare gli eletti”.  

”Ogni tentativo di persuadere il movimento a partecipare a un governo è falso”, ha spiegato all’emittente britannica, ribadendo che il MS5 “deciderà se supportare leggi specifiche caso per caso”. Poi, scrive il sito, “rifiuta l’ipotesi di avere istigato l’ira popolare” e aggiunge che “oggi in Italia, ciò che accadrà è già accaduto in passato. La destra e la sinistra si uniranno e governeranno un Paese di macerie, del quale loro sono responsabili”. Ma grazie ai 5 Stelle prima c’era “rabbia senza speranza” che “crea violenza. Ma la rabbia con speranza è qualcosa di differente, è una rabbia ottimistica, non negativa. Noi stiamo contenendo questa collera, perciò dovrebbero ringraziarmi. Occorre una collera democratica per andare avanti”.