B.da Santoro 9 milioni di spettatori” titola ilfattoquotidiano.it qui a fianco. E continua “l’ex Premier vincitore o vinto: vota il sondaggio”.

Posso anticipare il sondaggio: B. ha vinto. Non solo perché ieri sera gli si è concesso di sedurre il pubblico senza smontare ogni sua affermazione in modo puntuale. Da casa  i tanti italiani che sono fedeli spettatori della tv berlusconiana, hanno trovato in lui l’uomo rinato, il vecchio in piene forze. “Cosa dici di Berlusconi?”, ho chiesto a dei ragazzini riferendomi alla trasmissione di ieri sera. “E’ un figo!” mi hanno risposto. Parlo di ragazzini normali, che non sono impegnati politicamente e che credono a ciò che vedono, e dunque hanno creduto alle fandonie dell’ex Premier, perché da anni abbiamo permesso che la Tv fosse maestra indiscussa di milioni di ragazzi.

Ma B. vince anche oggi perché ilfattoquotidiano.it dedica  il titolo di prima pagina al dato eccellente di audience raggiunto. E giudicare il successo di una trasmissione in base al dato di audience è regalo della cultura berlusconiana. Dunque vince Berlusconi, e vince Santoro che raggiunge un audience da sballo per La7 e dunque vedrà aumentare le sue quotazioni.

Perdono i muratori del bresciano intervistati, piegati da una crisi feroce e da politici incompetenti e selvaggiamente egoisti. Perde la bravissima imprenditrice di Vittorio Veneto lucidissima nella sua analisi spietata, quasi un grido prima che l’industria italiana soccomba definitivamente. Restiamo soli noi attiviste e attivisti che ogni giorno ci confrontiamo con i bisogni delle persone a cui non sappiamo più ormai dare alcuna risposta.