Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Blog di Shady Hamadi > Il martirio dei...
I blog de IlFattoQuotidiano.it
Shady Hamadi
Scrittore

Il martirio dei bambini siriani

Il massacro dei bambini del villaggio siriano di Hasal al Ward La settimana appena trascorsa è stata la più sanguinosa da quando è cominciata la primavera siriana. Almeno 66 morti soltanto ieri, da quanto riferiscono gli attivisti sul campo. Il regime di Damasco ha cominciato una dura offensiva contro l’Esercito Libero Siriano (Sel) e i manifestanti; i morti si contano in tutte e due gli schieramenti. Il ministro degli Interni siriano, Mohammed Ibrahim al Chaar, ha dichiarato, attraverso l’agenzia ufficiale Sana, che “il regime è determinato a ristabilire l’ordine e la sicurezza e a ripulire il territorio dai criminali”.

Nei sobborghi di Saqba e Zabadani, passati sotto il controllo del Sel, è in corso una dura offensiva del regime, volta a ripristinare il controllo, non solo in queste due zone, ma in tutta la fascia periferica della capitale. La Lega Araba, a causa dell’escalation di violenza, ha fermato la missione degli osservatori. Nabil al Arabi, segretario della Lega Araba, è volato a New York per cercare il sostegno delle Nazioni Unite ad un piano pacifico di transizione del potere.

Quella che in Siria sta diventando una vera e propria guerra di liberazione racchiude una tragedia dentro l’altra: è quella dei bambini siriani che sono diventati i protagonisti involontari di una rivoluzione che ruba loro l’innocenza. Sono oltre 400 i bambini morti dall’inizio delle proteste.

Hamza al-Khateeb, nato nell’ottobre del 1997 a Jiza, in provincia di Daraa, fu arrestato il 29 aprile a un posto di blocco, mentre si recava a Daraa con altre persone al fine di portare aiuto ai cittadini sotto l’assedio delle truppe regolari siriane. Il corpo del bambino venne riconsegnato alla famiglia mutilato, evirato, e recante altri numerosi segni di tortura, colpi di pistola agli arti e al petto.

Tamer Mohammad al-Sharey
, 15 anni, venne arrestato insieme a Hamza al-Khateeb e come lui morì sotto tortura; gli vennero strappati i denti da vivo, gli cavarono un occhio e gli spararono alle gambe, all’addome e in faccia. Segni di bruciatura da sigarette vennero trovati su tutto il corpo.

E’ di qualche giorno fa l’ultimo terribile massacro di bambini nel villaggio di Hasal al Wuard. Undici componenti della famiglia Bahado sono stati giustiziati dalle forze di sicurezza del regime; tra i morti cinque bambini. Sino a quando l’uomo sarà attratto dal male assoluto? Sino a quando saremo disposti ad accettare che questo accada?

In alto, fotogramma tratto da un video sul massacro dei bambini del villaggio di Hasal al Wuard (immagini forti). Per ingrandire clicca qui


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. È necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Ti comunichiamo inoltre che tutti commenti andranno in pre moderazione e che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione