Michele Santoro, alla festa del Fatto, ha annunciato che il suo programma si chiamerà “Comizi d’amore”, in attesa di vederlo sugli schermi e sulla rete, il comitato per la libertà di informazione ha promosso il “comizio d’amore” per domani sera alle 20,3o, davanti agli studi di via Teulada, dove veniva realizzato e trasmesso il programma Annozero.

Ci saranno i sindacati dei giornalisti, Articolo 21, la Cgil, Mediacoop, e tutte le associazioni  e  i movimenti che, in questi mesi, si sono battuti contro ogni forma di bavaglio e di censura.

Ci saremo perché, giovedì 15 settembre, avrebbe dovuto ripartire la trasmissione più odiata da Berlusconi e dai suoi mazzieri. Al posto di Annozero l’astuto programmatore, sicuramente in modo inconsapevole, ha inserito la serie Criminal minds, quasi una sorta di confessione del crimine compiuto, una involontaria autoironia.

Saremo lì perché non abbiamo intenzione di “archiviare la pratica “, perché vogliamo il rientro di Santoro e l’espulsione dei suoi epuratori, perché, persino in queste ore stanno cercando di cacciare anche Serena Dandini, Milena Gabanelli, il direttore di Rainews Corradino Mineo, guarda caso tutti nomi già comparsi nelle carte dei giudici di Trani, e che facevano parte dell’elenco degli “sgraditi a Berlusconi”.

Da via Teulada, come Articolo21, lanceremo anche una campagna per reclamare la nomina di un direttore o di una direttrice che annunci, prima di accettare l’incarico che “non solo non caccerà nessuno degli sgraditi alla banda del conflitto di interessi, ma addirittura farà di tutto per restituire ai cittadini i programmi già espulsi..”

Vi aspettiamo tutte e tutti domani sera a via Teulada, sarà un vero e proprio comizio d’amore per un servizio pubblico che non c’è più…