Serena Dandini rimane nella squadra Rai. Il suo programma Parla con me andrà regolarmente in onda sulla terza rete, visto che la Fandango (società esterna di produzione cui la conduttrice è legata da un contratto in esclusiva) ha accettato la proposta di ‘taglio’ del compenso formulata dal vertice Rai.

La diminuzione del compenso è di circa il 5-6 per cento, il doppio di quello che l’azienda risparmierebbe se la produzione fosse tutta interna. In sostanza la Fandango per mantenere la titolarità di parte della produzione di Parla con me si fa carico di limare i costi in misura maggiore di quanto l’azienda di viale Mazzini otterrebbe da sé. Sembra quindi essere passata la linea del direttore generale Lorenza Lei. La partenza del programma sarà comunque in ritardo rispetto a quanto era previsto dal palinsesto della rete, che in origine fissava la ripresa per il 27 settembre.

Questo è il quadro a oggi e tale dovrebbe restare giovedì nel momento in cui il Cda di viale Mazzini si ritroverà sul tavolo la proposta formulata dal direttore generale Lei. La quale riuscirebbe così a tenere conto di due esigenze: ridurre i costi Rai verso la produzione esterna, nel rispetto di una policy aziendale mirata all’ottimizzazione delle spese, e ottenere che un nome ‘forte’ come quello della Dandini non sparisca dai palinsesti della tv pubblica. La materia è competenza del direttore generale, ma il Cda è chiamato ad occuparsene, e non e’ escluso che il contratto stesso che rinnova l’accordo tra l’azienda pubblica e la Fandango, e dunque la Dandini, giovedì possa essere sottoposto alla valutazione anche attraverso un voto del Consiglio di amministrazione. Peraltro proprio il presidente della Rai Paolo Garimberti aveva fatto sapere che qualora gli fosse stato sottoposto un contratto da votare, avrebbe espresso parere positivo, cioè pro Dandini.