Il Festival dell’Impegno Civile “Le Terre Di Don Peppe Diana” è l’unica rassegna italiana che si svolge nei beni confiscati alla criminalità organizzata, promosso dal Comitato don Peppe Diana e Ass. Libera di Caserta ha avuto come ospiti: Peppe Barra, ‘A67, Kalifoo Ground Music Sistem, Giulio Cavalli, Carlo Faiello e tanti altri. La scommessa intrapresa da questo coraggioso Festival è quella di ridare alla collettività, attraverso arte e cultura, ciò che le è stato strappato col sangue e col terrore; riappropriazione e allo stesso tempo rivalorizzazione delle terre di Don Peppe Diana, per continuare a costruire in suo nome comunità alternative alle mafie su tutto il territorio casertano. Infatti proprio sui beni confiscati tra Castel Volturno e Cancello ed Arnone è nata una cooperativa, la prima di questo genere in Campania, che, con il marchio Libera Terra, produce la “mozzarella della legalità“, che al gusto prelibato del simbolo alimentare di queste terre, aggiunge il sapore della libertà e della giustizia.

Oggi questa esperienza diventa un libro grazie alla casa editrice napoletana Marotta & Cafiero che darà alle stampe, grazie anche al progetto della coproduzione, il libro Il Festival a casa del boss. L’opera racconterà l’esperienza delle quattro edizioni del Festival dell’Impegno Civile. Il racconto realizzato dal giornalista Pietro Nardiello, ideatore della rassegna che ha anche condotto artisticamente, accenderà un riflettore sui motivi per cui è nato il Festival, i retroscena, le difficoltà, le speranze e le gioie nate in luoghi dove si costruisce un’Italia diversa. I piccoli passi quotidiani compiuti per realizzare una rassegna dove non vi sono teatri o luoghi di aggregazione, dove anche il disordine urbanistico rappresenta un simbolo di onnipotenza della potenza criminale.

Siamo particolarmente affezionati a questo festival perché nel 2009 vi presentammo in anteprima nazionale il videoclip del singolo Io non mi sento italiano, nato a sostegno di Libera Terra. E per questo vi comunichiamo che per chi volesse contribuire alla testimonianza di questo importante e significativo festival può farlo direttamente prenotando la sua copia su Produzioni dal basso.