L’estate sta finendo e un anno se ne va. E come ogni anno, ai primi di settembre, ci tedieranno l’anima con il “summit di Cernobbio”. Un incontro a cui i giornalisti economici ormai partecipano spinti solo dalla forza di inerzia e dal leggendario buffet di Villa d’Este, con una scelta di dessert impareggiabile.

L’anno scorso mi sono accreditato anch’io. Ed eccoti Brunetta in riva al lago, e fate largo che passa Ruini, sottobraccio a Guarguaglini. Da un’ammiraglia scende Fassino e, mentre ti distrai tentando di azzannare una tartina, ti scivola davanti uno stormo di microfoni che cercano di carpire le ultime parole di Scaroni, prima che sparisca, oltre il cancello, inseguendo nuove emozioni. Gli incontri che potrebbero essere interessanti sono quasi sempre a porte chiuse. Dai tavoli delle trattative ogni tanto cade qualche briciola di informazione, dalle porte escono spifferi che i giornalisti si rincorrono per interpretare, smontare e rimontare. A far piazza pulita di tutti i dubbi e le contraddizioni arriva però una conferenza stampa, confezionata per l’occasione con un bel comunicato, pronto da copiare e incollare o, al limite, rincicciare. Il giorno dopo quasi tutti i giornali sono montati con lo stesso copione. Per la gioia di Ambrosetti – che organizza l’evento – e dei suoi ospiti d’eccezione.

Quest’anno no, non ce la posso fare. Mi voglio disintossicare. Rinuncerò al salmone selvaggio marinato, ai rubinetti d’oro della ritirata. Mi perderò Fassino, Brunetta e Ruini, gli elicotteri, i cecchini, gli scafandri dei sommozzatori. Prenderò un’altra strada. A pochi metri dalla Villa, sopra la collina, c’è un Contro-Forum, aperto a tutti. Si parla di “alternative al declino dell’Italia”. Ci sono sociologi industriali ed economisti ambientali, accademici. E poi Arci e WWF, Banca Etica, Crbm, Rete del Nuovo Municipio. Il meglio dell’Italia che resiste, che studia soluzioni creative. Non mancherà il buffet. Niente trionfi di affettati, cascate di prosciutto e melone, nessuna mousse al cucchiaio. Al massimo un cous cous equo e solidale e un bicchiere di critical wine. Di questi tempi vale la pena passare.

Il Contro-Forum è organizzato dalla rete Sbilanciamoci e si terrà sabato 4 settembre dalle 10 alle 13 presso il Centro Civico a Cernobbio, in via Isonzo e dalle 15.30 alle 18.30
presso lo spazio Gloria del Circolo Arci Xanadù, in via Varesina, 72 a Como.

Per informazioni sul controforumo cliccate qui