/ di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 24 febbraio 2018

Gli affari sporchi del colonnello che uccise Escobar

Pensava di averla fatta franca ancora una volta il colonnello Hugo Heliodoro Aguilar Naranjo, conosciuto come colui che uccise Pablo Escobar nel 1993 durante una controversa caccia all’uomo che finì sul tetto di una casa di Medellin, la città colombiana oggi diventata una meta culturale del Paese. La serie Narcos mostra al temine dell’ultimo episodio […]
Mondo - 21 febbraio 2018

I due volti di Assad: difende i curdi ma bombarda civili

Il siriano Bashar al Assad si è trasformato in questi giorni in un presidente-dittatore bifronte, esattamente come il suo arci nemico Recep Tayyip Erdogan, aspirante dittatore, in dirittura d’arrivo, della repubblica turca. I due ex “fratelli” – sette anni fa, poche settimane prima dell’inizio del conflitto i due ancora si frequentavano con le rispettive consorti […]
Mondo - 19 febbraio 2018

I dieci anni di rabbia e povertà di Atene

La prima volta in cui Alexis Tsipras neo-leader di Syriza, la coalizione di sinistra radicale, pensò di avere qualche chance di vincere le elezioni fu nel 2012. Lo sottolineò in apertura del primo comizio elettorale all’inizio della campagna per le consultazioni di giugno di quell’anno. Ad ascoltarlo, nel quartiere operaio di Nikea (Vittoria, ndr) nei […]
Cronaca - 18 febbraio 2018

Lo scandalo tangenti all’ex premier nella Grecia in crisi

Sono scoccati dieci anni dall’inizio della crisi greca. Una tragedia socio-economica tra malapolitica e corruzione dei partiti conservatore Nea demokratia e socialista Pasok, che per trent’anni hanno governato il Paese fino alla vittoria, nel gennaio 2015, del partito di sinistra radicale Syriza. Nonostante gli indicatori macroeconomici segnalino un miglioramento, le condizioni di vita del “coro […]
Mondo - 14 febbraio 2018

Ultimo tango a Tel Aviv, chiesta incriminazione per Netanyahu

“Io so la verità, non decide la polizia ma la magistratura”. Sono state queste le prime parole che il premier israeliano Benjamin Netanyahu ieri sera ha scelto per il discorso alla tv nazionale allo scopo di rispondere alle accuse della polizia. Che poche ore prima aveva raccomandato alla magistratura l’incriminazione per corruzione e abuso d’ufficio. […]
Mondo - 9 febbraio 2018

Inchieste, Bibi gioca la carta del perseguitato

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e la moglie Sarah questa volta tremano davvero. La prossima settimana potrebbe arrivare la notizia che da almeno un anno la coppia tenta di scongiurare facendo leva sul lungo rapporto di collaborazione e amicizia fra il premier e il procuratore generale Avichai Mandelblit. Non appena la stampa ha diffuso […]
Mondo - 7 febbraio 2018

E il Voltaren si comprò il governo ateniese

Tra i tanti scandali che hanno macchiato la reputazione dei politici greci quello scoppiato ieri ha tutte le caratteristiche per distruggere definitivamente le speranze dei comuni mortali nei confronti della già vituperata classe politica. Perché le cospicue tangenti – per un totale di almeno 50 milioni di euro – che ministri vecchi e nuovi di […]
Mondo - 6 febbraio 2018

Il Papa sdogana il Sultano. Effetto al Sisi per Erdogan

Cani poliziotto minacciosi e manganellate per i curdi; regali, affari e accoglienza da statista per il presidente turco Erdogan. In una Roma blindata, il Sultano con al seguito moglie, genero-ministro dell’Energia e uomini d’affari, è stato accolto con tutti gli onori da Papa Francesco e dalle massime autorità della repubblica italiana, partner Nato della Turchia, […]
Mondo - 4 febbraio 2018

Tra Israele e Rwanda il business dei profughi africani deportati

“Forse non ve ne rendete conto, ma riguarda anche l’Europa, specialmente l’Italia in quanto tra i principali paesi di transito per chi vuole entrare nell’Unione via mare, l’espulsione in Rwanda e Uganda dei migranti sans papier che vivono da anni in Israele”. Chi lo afferma è l’avvocato Iftach Cohen, consulente di bibliotheque sans frontieres per […]
Mondo - 3 febbraio 2018

Altro che Gerusalemme, il Sultano a Roma per affari

Mentre i bambini curdi del cantone di Afrin, nel nord della Siria, sono costretti a cercare rifugio dalle bombe turche nelle grotte – come ha documentato la Cnn – colui che ha ordinato l’invasione di questa zona appartenente al territorio siriano farà la sua trionfale passerella a Roma domani e lunedì. Per garantire che il […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×