";

/ di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 19 aprile 2018

“Il Paese è mio e le urne le anticipo io”

Dopo aver recentemente esteso per la settima volta lo stato di emergenza – tipico escamotage delle dittature per tenere sotto scacco la popolazione, vedi Egitto – il presidente turco Erdogan ha deciso di anticipare di un anno e mezzo le consultazioni. Anzichè nel novembre 2019, si terranno il 24 giugno. A un anno esatto dal […]
Mondo - 12 aprile 2018

“Tempo di negoziati scaduto, sarà scontro nei cieli”

Ai tempi della crisi cubana, un confronto tra Stati Uniti e Russia, allora Unione Sovietica, cioè occidente e oriente, era possibile, oggi è più che probabile. Anzi è certo e, tengo a dire, terrorizzante”. Sempre molto misurato nell’uso degli aggettivi, Bernard Guetta – analista di geopolitica, con particolare attenzione alla questione mediorientale, giornalista e scrittore […]
Mondo - 6 aprile 2018

Il cacciatore di spie che sogna di essere premier

Non si ferma il numero dei caduti palestinesi e non si fermano le proteste al confine tra Gaza e Israele. Dopo le due vittime di ieri, che sono andate ad aggiungersi alla lista dei 17 morti uccisi dall’esercito israeliano lo scorso venerdì, oggi inizia la seconda ondata di proteste organizzate dal movimento islamico Hamas, che […]
Mondo - 5 aprile 2018

Erdogan, sì ad Assad ma vuole i curdi morti

Dal terzo vertice tra Turchia, Russia e Iran, questa volta tenutosi ad Ankara, emergono due notizie certe: a vincere la lunga e sanguinosa guerra civile siriana, trasformatasi quasi subito in una guerra per procura tra potenze mondiali, sono stati tutti, tranne che gli arabi. Per le loro divisioni interne, non solo religiose, e a causa […]
Mondo - 4 aprile 2018

Netanyahu cancella l’accordo con l’Onu sui migranti africani

A causa delle proteste incrociate dei partiti di destra italiani, i più vicini al premier israeliano Benjamin Netanyahu – amico personale di Berlusconi – della freddezza della Germania, di numerosi ministri del proprio esecutivo e buona parte dell’opinione pubblica di Tel Aviv, lo stesso primo ministro ha ieri deciso di cancellare l’accordo bilaterale raggiunto lunedì […]
Mondo - 3 aprile 2018

Italia e Germania, stop al blitz di Netanyahu

Benjamin Netanyahu annuncia l’accordo con l’Onu per ricollocare 16.250 migranti africani in Italia, Germania e Canada. E invece no. L’accordo non c’è e la diplomazia israeliana si deve arrabattare a spiegare che le parole del premier erano solo “a esempio”. “Non c’è alcun accordo con l’Italia nell’ambito del patto bilaterale tra Israele e l’Unhcr per […]
Mondo - 1 aprile 2018

“La destra ebraica protetta dalla cricca della Casa Bianca”

La voce di Gideon Levy, reporter di Haaretz – l’unico quotidiano israeliano ancora realmente indipendente – minacciato a più riprese dai coloni e dai sostenitori della destra religiosa al governo da due legislature, questa volta è stanca. Perché è stanco signor Levy? Perché non vedo alcun cambiamento in vista nell’atteggiamento di Israele nei confronti dei […]
Mondo - 31 marzo 2018

“Una reazione di guerra, sproporzionata e illegale”

Da un anno a questa parte le organizzazioni non governative indipendenti, che informano sulle violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito e delle autorità nei Territori palestinesi occupati, sono demonizzate e bollate come “traditrici”. Con il pretesto dei finanziamenti stranieri, gli ex soldati e i riservisti israeliani di Breaking the silence e gli attivisti ebrei […]
Mondo - 30 marzo 2018

L’italiano scomparso è morto a Istanbul Dubbi sul “suicidio”

Lavorava come manager per una multinazionale che si occupa di ambiente, specialmente di depurazione delle acque, Alessandro Fiori. Il suo cadavere è stato trovato gonfio dell’acqua non più blu del Bosforo e con il cranio fracassato a due settimane dalla denuncia della scomparsa avvenuta dopo solo 48 ore trascorse a Istanbul come turista. Già due […]
Mondo - 17 marzo 2018

Migranti, la nave errante sbarca a Pozzallo

Per i 218 migranti recuperati al largo della Libia dalla nave della Organizzazione non governativa spagnola Proactiva Open Arms, il “porto sicuro” dove sbarcare è emerso dopo ben 30 ore di obbligato girovagare senza meta. Si tratta di Pozzallo, in Sicilia, dove il Viminale ha dato indicazione di attraccare. La vicenda della Proactive è l’ultimo […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×