/ di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 18 novembre 2018

Khashoggi, l’amico amerikano inchioda il principe

L’affaire Khashoggi più che una spina è diventato una vera e propria spada nel fianco del presidente Trump, strenuo sostenitore della politica del giovane principe ereditario saudita Mohammed bin Salman. Smentendo l’affermazione di qualche giorno fa di John Bolton, consigliere per la sicurezza di The Donald, un rapporto della Cia rivela che sarebbe stato proprio […]
Mondo - 16 novembre 2018

Omicidio Khashoggi: cinque condanne a morte: “Avvelenato e fatto a pezzi”

Dopo un mese e mezzo di dinieghi e versioni tanto parziali quanto ridicole, se non fossero state tragiche, Ryad ha ammesso ciò che tutti ormai sapevano. Ovvero che il giornalista Jamal Khashoggi è stato avvelenato da una squadra di membri della sicurezza saudita, all’interno del consolato di Istanbul, con una iniezione contenente una dose letale […]
Mondo - 14 novembre 2018

Khashoggi, la Casa Bianca “assolve” il principe Salman

Gli audio in possesso della Turchia legati all’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi all’interno del consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul “non coinvolgono il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman”, sostiene John Bolton, il ‘falco’ scelto dal presidente americano Trump come consigliere per la sicurezza nazionale, citando due persone che hanno ascoltato le registrazioni. La Turchia aveva […]
Mondo - 13 novembre 2018

El Chapo e i suoi fratelli: un boss in galera non basta

Inizia oggi a New York, tra misure di sicurezza mai attuate prima, il tanto atteso processo a Joaquìn Guzman, conosciuto con il soprannome di El Chapo, il Piccoletto, per la sua bassa statura. A dispetto del simpatico nomignolo, Guzman è stato il più potente narcotrafficante messicano e il più noto signore della droga di tutti […]
Mondo - 10 novembre 2018

The Donald: niente asilo a chi attraversa il confine con il Messico illegalmente

The Donald non molla la presa sull’immigrazione. Il presidente torna a usare la questione migranti per mostrare al proprio elettorato di non avere paura della vittoria dei Democratici alla Camera. La Casa Bianca ha così annunciato nuove regole per limitare drasticamente le richieste di asilo, escludendo le persone che attraversano illegalmente il confine sud degli […]
Mondo - 8 novembre 2018

“Premiata l’America che il magnate teme di più: quella che non conta solo per i soldi”

Dopo l’impietosa e dettagliata biografia di The Donald, pubblicata nel 2016, il giornalista investigativo nonché premio Pulitzer, David Cay Johnston quest’anno ha dato alle stampe una lunga inchiesta sulle conseguenze dei primi due anni dell’Amministrazione Trump dal titolo: “Anche peggio di quanto pensaste: che cosa sta facendo l’Amministrazione Trump all’America”. Il Partito Repubblicano ha perso […]
Mondo - 6 novembre 2018

Khashoggi, “addetti alle pulizie” in consolato

La tragica “medianovela” sulla sparizione della salma di Jamal Khashoggi, sembra destinata a durare ancora a lungo, sempre che si arrivi a una conclusione. Dopo aver ammesso che il giornalista dissidente è stato ucciso il 2 ottobre scorso – dopo l’ingresso nel consolato saudita di Istanbul – in seguito a una rissa scoppiata con alcuni […]
Mondo - 4 novembre 2018

Caso Khashoggi, Erdogan accusa il principe saudita

Mentre la polizia turca non smette di scavare nella foresta attorno a Istanbul e il procuratore della città, Irfan Fidan, conferma di avere le prove audio dell’assassinio per strangolamento del giornalista Jamal Khashoggi all’interno del consolato saudita della megalopoli sul Bosforo, il presidente Recep Tayyip Erdogan continua a usare la tattica del bastone e della […]
Mondo - 3 novembre 2018

Cattivissimo Trump rimette l’embargo all’Iran

Nessuno credeva che l’Amministrazione Trump avrebbe posticipato l’embargo del petrolio iraniano dopo essere uscita nel maggio scorso dall’accordo sul Nucleare voluto e firmato dall’ex presidente Obama nel 2015 assieme al quartetto europeo e alla Russia. L’implementazione, che decorre dal prossimo lunedì, era già stata annunciata quando, dopo la clamorosa decisione del ritiro statunitense, tre mesi […]
Mondo - 2 novembre 2018

Mr. anticorruzione (e anti-Lula) dice sì a Bolsonaro

Il presidente più divisivo dalla fine della dittatura brasiliana, Jair Bolsonaro, ha “convinto” il magistrato più divisivo del Brasile a farsi nominare ministro delle Giustizia. Anzi, super ministro visto che Sergio Moro sarà anche titolare del ministero della Sicurezza pubblica. Durante i comizi e le interviste intercorsi tra le consultazioni del 7 ottobre e il […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×