/ di

Roberta Zunini Roberta Zunini

Roberta Zunini

Giornalista

Ogni volta che questa professione mi porta a confrontarmi con la difficoltà di essere “neutra”, mi salva ciò che disse uno dei miei maestri: Indro Montanelli. “Ciò che è importante è farsi comprendere da tutti. Se qualcuno non vi capisce è perché non siete stati chiari e semplici. Qualsiasi persona, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene, al grado di istruzione, deve capire ciò che scrivete”. Non si tratta solo di una lezione di deontologia professionale ma del giusto approccio alla realtà e al trasferimento di essa in parole, che raccontano fatti. Non opinioni. Sui fatti, dai fatti si può partire per un ragionamento. Ma prima i fatti. Così ho cercato di fare quando ho lavorato con Michele Santoro a Moby Dick e in seguito ad Annozero. 

Ho iniziato vent’anni fa, collaborando al Giornale di Montanelli, mi sono trasferita a New York per due anni. Qui ho seguito il primo mandato Clinton, lo statista di Camp David, colui che riuscì a far incontrare e discutere Rabin e Arafat. Da Londra per Michele Santoro ho seguito la prima campagna elettorale di Tony Blair e l’ingresso del New Labour nel governo inglese e quindi la sua conferma alla premiership. Nel frattempo ho studiato ebraico e arabo. La mia passione per il Medio Oriente – concetto del tutto occidentale, coniato dai vincenti di allora – e per l’Oriente, inteso come luogo dove le potenze coloniali avevano giocato il loro “great game” per secoli, è aumentata a partire dagli accordi di Oslo tra Israele e Olp. La posizione e il ruolo di Israele come ponte tra la cultura occidentale e quella islamica, mi ha sempre affascinata in quanto metafora, per definizione, delle contraddizioni umane. Perché si tratta sì di un ponte ma molto flessibile e pericoloso. Siamo tutti, tutto il mondo, coinvolti in questa millenaria diatriba. L’importante è partire dai fatti e quindi scandagliare.

Articoli Premium di Roberta Zunini

Mondo - 14 luglio 2018

“Suoniamo contro il colonialismo occidentale”

Ifan italiani della dance elettronica e gli amanti della musica etnica impegnata, hanno appena vissuto per la prima volta dal vivo la band palestinese formatasi ad Amman, in Giordania, nel 2013 che ha suonato mercoledì a Cividale del Friuli. I 47Soul. band composta da 4 “levantini” mescola elementi sonori mediorientali e occidentali, con testi sempre […]
Mondo - 11 luglio 2018

Nella riunione degli “autocrati” a casa Erdogan spunta B. con la bionda

Il più giulivo e soddisfatto tra gli invitati alla sfarzosa cerimonia di insediamento di Recep Tayyip Erdogan sembrava Silvio Berlusconi. Al fianco di una giovane stangona bionda, l’attrice turco-tedesca Wilma Elles, l’ex premier italiano ha partecipato alla cena di gala riservata a quei capi di Stato e ai politici che nel corso dei 15 anni […]
Mondo - 5 luglio 2018

“Altro che Isis, per Erdogan il vero nemico sono i curdi”

Quando fu ricevuta all’Eliseo dall’allora presidente Hollande tre anni fa, dopo che i guerriglieri curdi avevano sconfitto l’Isis a Kobane, Nasrin Abdullah si presentò con la mimetica per sottolineare il suo ruolo di comandante delle unità curde femminili di protezione del popolo (Ypj) del Rojava. Per la sua visita agli esponenti del nuovo Parlamento italiano, […]
Mondo - 3 luglio 2018

Insegnanti e studenti: “Amlo salverà le scuole rurali e darà stipendi dignitosi”

Per i suoi sostenitori Andrés López Obrador, 64 anni, conosciuto come Amlo – già sindaco di Città del Messico quando era ancora un deputato del partito di centrosinistra Prd – è un politico onesto che lotterà per estirpare la corruzione endemica del Paese e la contiguità tra i narcos e le forze dell’ordine. Per i […]
Mondo - 30 giugno 2018

Teheran, al Gran Bazar del malcontento

Per la prima volta dopo ben mezzo secolo, il Gran Bazar di Teheran è stato in sciopero. Allora però regnava ancora lo Scià. La prima serrata del mercato della Capitale iraniana, dopo la Rivoluzione islamica, è l’incubo che ha agitato il sonno degli ayatollah da quando due mesi fa il presidente americano Donald Trump ha […]
Mondo - 26 giugno 2018

Super Erdogan, ma i curdi festeggiano lo stesso

Anche le condizioni climatiche sono dalla sua parte: il giorno dopo la vittoria, il vento in aumento fa salire sempre più in alto nel cielo sopra il Bosforo il volto di Erdogan stampato su giganteschi stendardi, assicurati agli ultimi piani dei grattacieli con fili invisibili . Il Sultano ora sembra anche in grado di volare […]
Mondo - 25 giugno 2018

Turchia, il Sultano si (ri)prende tutto. Erdogan oltre il 50 per cento

Il Sultano regnerà ancora sulla Turchia per soli 2 punti percentuali (supera il 52%) e, cataclismi a parte, passerà alla storia come il nuovo Ataturk arrivando a eguagliare il primato di Mustafa Kemal. Grazie alla nuova legge elettorale che premia la coalizione, anche il suo Partito della Giustizia e Sviluppo (Akp) continuerà a guidare il […]
Mondo - 24 giugno 2018

Elezioni in Turchia, il professore di Fisica che vuole bocciare il Sultano

La data di oggi entrerà nei libri di storia, non solo turchi, indipendentemente da come andrà il voto presidenziale e legislativo, anticipato di un anno e mezzo per volere del presidente uscente Recep Tayyip Erdogan. Se il reis dovesse essere riconfermato e il suo partito della Giustizia e Sviluppo (Akp) ottenere ancora una volta la […]
Mondo - 23 giugno 2018

Al Sultano piace vincere facile: “Meno burocrazia”

La vigilia delle elezioni presidenziali e legislative anticipate è vissuta dai milioni di turchi aventi diritto al voto con preoccupazione. Ma non per il “terrorismo” del Pkk o per i problemi con la confinante Siria, bensì per la situazione economica della Turchia. Molti ritengono che la svalutazione della lira turca e l’aumento esponenziale dell’inflazione non […]
Mondo - 20 giugno 2018

Ryad e il “dispetto” alla Mezzaluna sciita: una pioggia di bombe sui ribelli Houthi

Da cinque giorni Hudaida, la città portuale yemenita sotto il controllo dei ribelli sciiti Houthi, finanziati ed equipaggiati dall’Iran e dal partito armato libanese Hezbollah, è sotto incessanti bombardamenti. Le bombe che stanno “letteralmente piovendo sulla testa dei civili non si fermano neanche di notte”, dicono alcuni giornalisti locali, e hanno costretto migliaia di persone […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×