/ di

Nanni Delbecchi Nanni Delbecchi

Nanni Delbecchi

Giornalista

Redattore del Fatto, ha iniziato al Giornale di Montanelli, poi alla Voce, poi dove è capitato. Si fida del caso.

Articoli In Edicola di Nanni Delbecchi

Commenti - 16 Febbraio 2019

Recal-chic: un po’ di Lacan e un po’ di Carlo Cracco

Come recalca Massimo Recalcati, non ce n’è. Ricalcare, siamo capaci tutti; ma “recalcare” è un’altra cosa, riservata a un unico eletto. Ascoltate come pronuncia il nome del suo nume tutelare, Jacques Lacan. Un fonema inafferrabile per iscritto, in perfetto equilibrio tra Lecan, Locan e Lecon. Da non confondersi né con Alain, né con Elkann, tantomeno […]
Commenti - 15 Febbraio 2019

“Io sono Mia”, il talento di Mimì e i professionisti dell’invidia

Cosa è vero e cosa no in Io sono Mia, il biopic su Mia Martini (martedì, Rai1)? Di vero, gli ascolti lusinghieri – strano che Salvini non si sia ancora complimentato con un tweet. Di non vero, l’assenza di Ivano Fossati e di Renato Zero, che hanno posto il veto all’uso del loro nome. “Ha […]
Politica - 13 Febbraio 2019

Montalbano: in Italia si solidarizza per fiction

Quando eravamo piccoli ci chiedevamo “Cosa dirà la mamma?”. Ora che siamo diventati grandi ci chiediamo “Cosa dirà Salvini?”. Era meglio la mamma, ma Salvini è dappertutto, impossibile sfuggirgli. Cosa dirà Salvini di Mahmood? E cosa dirà del commissario Montalbano, il cui nuovo episodio L’altro capo del filo andato in onda lunedì ha avuto un […]
Commenti - 12 Febbraio 2019

Quando “Le Ragazze” non passavano per vallette

Dio creò la donna, la Tv la fece valletta. La maggiorazione al potere, un pensiero unico, un chiodo fisso. Un colpo grosso. Il primo merito di Le ragazze (conclusosi domenica su Rai3) è ribellarsi alla videotirannia maschilista, tirare giù dai troni e dai calendari l’immagine della donna e accompagnarla nella vita. Ma il tema più […]
Commenti - 26 Gennaio 2019

Da Bertolucci a Banfi, tu chiamali se vuoi “maestri”

Deve essere vero, Destra e Sinistra sono in via di rottamazione, ferrivecchi del Novecento, nell’era digitale vanno l’Alto e il Basso. Ma cos’è l’Alto, cos’è il Basso? Il direttore di Rai2 Carlo Freccero, nel rendere omaggio a Bernardo Bertolucci programmando Ultimo tango a Parigi, ha osservato come la scomparsa dell’ultimo rappresentante di una generazione di […]
Commenti - 25 Gennaio 2019

Per un pugno di libri, quel vintage che piace

Quanto è stato profetico Ray Bradbury in Fahrenheit 451? Quasi settant’anni dopo, i libri rischiano davvero, se non il rogo, l’oblio? Certo, la fantascienza di ieri non è mai stata tanto vicina alla cronaca di oggi. Se parliamo di reti generaliste, la sparizione è un dato di fatto; l’unico libro di cui si parla è […]
Italia - 24 Gennaio 2019

“La mia ‘Stra-Maglie’ a carico nostro merita il bis”

Ci sono folgorazioni che restano per sempre nel cuore e nella pelle. Così, è per Francesca Reggiani l’incontro con l’immagine di Maria Giovanna Maglie. A breve la Maglie potrebbe tornare in video in coerenza al suo stile, ovvero in pompa magna, con una striscia quotidiana sui fatti del giorno dopo il Tg1 delle 20. Esattamente […]
Cronaca - 24 Gennaio 2019

Indagine sulla Sinistra “scomparsa”

Esiste ancora la sinistra in Italia? E se sì, dove è andata a nascondersi? Parte da questa domanda, all’apparenza piuttosto retorica dopo le elezioni del 4 marzo, C’ero una volta… la Sinistra, il nuovo programma realizzato da Loft Produzioni, in onda da oggi su www.iloft.it e app Loft, la piattaforma tv della Società Editoriale Il […]
Cultura - 22 Gennaio 2019

Adriano c’è, scommessa vinta da ultimo Amleto

Adriano c’è. Nessuno pronosticava la sua presenza, lui ha aspettato di incassare l’ultima scommessa poi si è presentato sul palco del Teatro Comploy di Verona. Tranquillo, compassato, quasi sorpreso dell’adrenalina di cui è rimasto uno degli ultimi dispensatori. La scommessa di Aspettando Adrian è degna di Amleto: esserci e non esserci allo stesso tempo, costruire […]
Commenti - 19 Gennaio 2019

Battisti, tutti gli errori di un criminale da televisione

Battisti è mio e me lo gestisco io. Dopo l’asta ministeriale per aggiudicarsi la miglior divisa e la peggior contumelia, forse Cesare Battisti avrà cambiato idea sulla sua latitanza. Forse, se avesse immaginato con quale ansia lo aspettavano capitan Salvini e gli uomini di Bonafede, si sarà chiesto se sia valsa la pena trascorrere 38 […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×