/ di

Daniela Gaudenzi Daniela Gaudenzi

Daniela Gaudenzi

Esperta di giustizia, liberacittadinanza.it

Mi sono laureata in Giurisprudenza a Bologna quando “garantismo” non era ancora sinonimo di impunità per gli intoccabili e mi occupo da oltre dieci anni di giustizia, inchieste e del conflitto istituzionale permanente che la classe politica di questo paese ha ingaggiato contro la magistratura. Ho iniziato la mia collaborazione alla rivista Il ponte fondata da Piero Calamandrei con una sintesi della mia tesi per la specializzazione in Giornalismo alla Cattolica di Milano intitolata “Politica e giustizia dopo Mani pulite: dalla transizione alla restaurazione, ovvero come il cosiddetto primato della politica ha finito per trasformarsi in rivalsa del ceto politico nei confronti della magistratura”. Dal 2001 scrivo prevalentemente di questo argomento su periodici on line come www.democrazialegalita.it, fino al 2007, poi www.centomovimenti.com e collaboro tuttora con il sito www.liberacittadinanza.it. Ho partecipato alle iniziative di questi anni a difesa della libertà di informazione, dell’autonomia della magistratura, dell’uguaglianza dei cittadini, della Costituzione e sono intervenuta in rappresentanza di “Liberacittadinanza” alla manifestazione “La legge è uguale per tutti” del 27 febbraio 2010. Organizzo e presento numerosi incontri e dibattiti con magistrati, giornalisti e testimoni diretti di quel “disastro ambientale”, secondo la definizione drammatica e puntuale di Armando Spataro, che è diventata non a caso la giustizia nel nostro paese per cercare di spiegare come questo sia potuto accadere e per responsabilità di chi.

Blog di Daniela Gaudenzi

Giustizia & Impunità - 18 Giugno 2019

Caos procure, gli italiani vogliono la politica separata dalla magistratura. Senza se e senza ma

Nonostante la caoticità, la strumentalità, la fumosità e il parlar d’altro di troppi commentatori dai giornaloni e dai salotti tv fotocopia a proposito del “caos procure” o “bufera sulle toghe”, quasi sempre per raggiungere fini opposti a quelli enunciati di una giustizia indipendente dalla patologica contiguità con la politica, sembrerebbe che gli italiani si siano […]
Elezioni Europee 2019 - 29 Maggio 2019

Europee 2019, gli errori di M5S sono stati vari ma ce n’è uno più grave degli altri

Il risultato che ha decretato il trionfo della Lega al 34%, il tonfo del M5S al 17%, il sorpasso del Pd al 22%, il “voto last minute” che, secondo Nicola Piepoli e molti altri sondaggisti circa il 9% di italiani avrebbe maturato in extremis (se non in cabina elettorale) ha ribaltato i rapporti di forza […]
Politica - 9 Maggio 2019

Caso Siri, la soluzione di Conte è un segnale positivo nell’Italia delle tangenti

In questi 20 giorni che hanno separato la notizia dell’indagine per corruzione di un sottosegretario di governo nell’ambito di un’inchiesta su cui si allunga pesantemente l’ombra della mafia fino all’ epilogo politico del caso Siri la politica e l’informazione si sono baloccate esclusivamente sulle tensioni, “le schermaglie”, il presunto  “gioco delle parti”, gli insulti reciproci […]
Media & Regime - 26 Aprile 2019

Siri, Raggi e l’informazione: la mostrificazione del M5S continua

Era il 1989, l’anno della caduta del muro di Berlino e l’Italia della prima Repubblica, impermeabile all’allarme sulla questione morale di Enrico Berlinguer, doveva ancora conoscere i giorni ingloriosi di Tangentopoli e le speranze di rinnovamento tradite dopo Mani Pulite, quando Paolo Borsellino osò dire che “la politica dovrebbe fare pulizia di coloro che sono […]
Media & Regime - 29 Marzo 2019

Sondaggi, quel 52% che vuole che il governo Conte vada avanti nonostante i media

“Quando cade il governo” e “quanto tempo occorre al M5S per implodere” sono le domande ritornello più gettonate da tutti i conduttori fotocopia che si alternano e succedono da una rete all’altra per “intervistare” ospiti che con qualche rara eccezione gli fanno da specchio e gareggiano nel vaticinare e nell’auspicare il verificarsi di entrambi gli eventi […]
Politica - 27 Febbraio 2019

Dopo la Sardegna un bel funerale al M5S. Riesumiamo Renzusconi?

Dopo l’Abruzzo è arrivata puntuale la Sardegna e la tabella della marcia funebre che scandirebbe il percorso del M5S di qui alle Europee viene tracciata quasi sempre con scomposto tripudio, più raramente con malcelata soddisfazione, da qualsiasi osservatore, analista, commentatore politico. Le prossime tappe: l’imminente round in Basilicata il 24 marzo e a seguire l’ultimo […]
Politica - 19 Febbraio 2019

Le opposizioni accusano i 5s di essere ‘i nuovi barbari’. Ma i loro argomenti sono risse e insulti

La lista delle gaffe, delle semplificazioni, delle oscillazioni e delle intemperanze verbali dei rappresentanti governativi e parlamentari del M5S è senz’altro lunga. Ma gli “argomenti” dei loro oppositori – sedicenti depositari del buon governo e della politica responsabile, contrapposta alla sprovvedutezza e inadeguatezza dei governanti per caso o per demenza degli elettori, come dice B. […]
Giustizia & Impunità - 31 Gennaio 2019

Il caso Diciotti non ha gettato discredito sull’Italia e no, il M5S non è spacciato

Nello stesso giorno in cui la Giunta per le Immunità del Senato, riunita per discutere sulla richiesta di autorizzazione a procedere del tribunale dei ministri di Catania per processare il ministro dell’Interno che aveva vietato per 5 giorni lo sbarco dei 177 migranti a bordo della Diciotti, ha ricevuto la memoria firmata da Conte, Di […]
Politica - 23 Dicembre 2018

Manovra, il consenso per il governo non cambia. Il requiem per il M5S può attendere

Mentre talk show, “approfondimenti” serali e pomeridiani (tutti), titoli in prima pagina, commenti e analisi del 90% della stampa nazionale si sono concentrati a dipingere i dioscuri-barbari di governo con “le braghe calate” e “il cappello in mano davanti agli odiosi burocrati di Bruxelles“, a enfatizzare la sciaguratezza della manovra, a vaticinare l’inesorabile tracollo del […]
Politica - 2 Dicembre 2018

Tutti pazzi per ‘il partito che non c’è’: quello del Pil e di Renzusconi

La “libera” informazione – talmente “assediata” dal regime gialloverde da mobilitarsi come mai prima sul grave rischio fascismo in Italia, anche se finisce inevitabilmente per arringare se stessa come sperimentato alcuni giorni fa dai sedicenti perseguitati di Repubblica – si sta concentrando parallelamente su due fronti strategici in sinergia con la cosiddetta opposizione: in particolare a rimorchio […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×