Uniper, il più grande importatore di gas della Germania, verrà nazionalizzato. Dopo la conferma da parte della società sulle trattative in corso con lo Stato, i dettagli sono stati comunicati in una nota: “Il governo tedesco acquisisce il 99% del gruppo” ha spiegato il precedenze azionista di maggioranza Fortum. Lo stato diventa quindi socio di maggioranza assoluta, prendendo in carico una percentuale molto superiore a quella prevista che si attestava intorno al 50%.

L’accordo si basa su un pacchetto di salvataggio che era stato concordato a luglio: è previsto un aumento di capitale da 8 miliardi finanziati dal governo. L’intervento dell’esecutivo, spiega il ministero dell’economia di Berlino, è stato necessario “per assicurare l’approvvigionamento di imprese, fabbriche e famiglie”. Lo stato quindi assumerà una quota di Uniper al prezzo nominale di 1,70 euro per azione.

Il colosso del gas era in grave difficoltà da diversi mesi: le perdite sono state stimate intorno ai 12 miliardi, di cui oltre la metà sono causati indirettamente dall’invasione russa dell’Ucraina. Uniper, infatti, importava la maggior parte del gas acquistandolo dalla società di Mosca Gazprom.

Per ridurre le perdite del colosso tedesco il governo attiverà a partire dal 1° ottobre anche un provvedimento per permettere di scaricare parte degli aumenti del costo del gas sui cittadini, attraverso un aumento delle bollette. Lo ha annunciato il vicecancelliere tedesco Robert Habeck, argomentando che “si tratta di un ponte per garantire la solidità finanziaria di Uniper”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Eataly, Investindustrial rileva il 52% del gruppo fondato da Oscar Farinetti con un aumento di capitale da 200 milioni di euro

next