Uno girava con le magliette per invitare a votare Sì al referendum, l’altra leader sosteneva bisognasse crociare lo stesso simbolo per non fare un favore alle “grandi lobby”. Adesso però Matteo Salvini e Giorgia Meloni hanno radicalmente cambiato idea. E sui social network è tutto un ricordare quando nel 2016 si dissero favorevoli allo stop in occasione del referendum sulla durata delle trivellazioni in mare per estrarre gas e petrolio entro le 12 miglia dalla costa. La vittoria del Sì – il referendum non raggiunse il quorum – avrebbe comportato l’impossibilità per 21 concessionari di continuare ad estrarre.

A dare il là è stata una frase di Meloni durante l’intervista a La Piazza, l’evento organizzato a Ceglie Messapica, nel Brindisino, da Affaritaliani.it: “Quando fai troppa ideologia, poi lo paghi. Il costo delle bollette oggi lo dobbiamo anche a certo ambientalismo ideologico che ci ha impedito ad esempio di estrarre il gas dai nostri mari”, ha detto la leader di Fratelli d’Italia. Una giravolta, un’abiura.

“Il 17 aprile vota Sì – recitava all’epoca Fdi – Ferma le trivelle, il mare è il nostro petrolio”. Con il Sì, spiegava Meloni, si sarebbe detto “basta all’inquinamento del nostro mare”. E sosteneva: “Non andare a votare sarebbe aiuto ad alcune grandi lobby”. Con il rincaro dei prezzi di gas e petrolio, il rischio razionamenti e la possibilità che a gestire uno degli inverni più duri degli ultimi 40 anni ci sia proprio il centrodestra, sembra aver cambiato idea.

Come anche Forza Italia e Salvini, che sei anni fa sostenne: “La nostra ricchezza si chiama turismo e si chiama pesca”. Chiamando alla “difesa” del territorio e del mare, aggiunse: “Gli altri Paesi che si affacciano sull’Adriatico, pensiamo alla Croazia, stanno bloccando le trivellazioni. Non mettiamo a rischio la nostra fortuna e il nostro futuro che sono il mare, la bellezza, la pesca e il turismo”. Adesso però nel programma comune si parla di “pieno utilizzo” delle risorse anche “attraverso la riattivazione e nuova realizzazione di pozzi di gas naturale in un’ottica di utilizzo sostenibile delle fonti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Meloni al mercato, Salvini nel club: il derby a distanza (con frecciate) tra alleati a Messina. Poi il caffè della pace: “Uniti si vince”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Ilaria Cucchi (Verdi-Sinistra) presenta la candidatura: “A testa alta in Parlamento contro chi ancora non mi ha chiesto scusa per Stefano”

next