È morto il cinghiale che nuotava nella Darsena di Milano. L’animale era stato individuato e recuperato intorno alle 7.30 di questa mattina, 18 agosto, in piazza Tripoli. Al momento dell’avvistamento si trovava all’interno del canale fognario della città e così, dopo l’ennesimo tentativo di cattura, i vigili del fuoco e la polizia locale sono riusciti a prenderlo e poi a sedarlo. Secondo quanto si apprende, a causare la morte dell’animale sarebbe la debilitazione dovuta ai giorni trascorsi in fuga. Si trattava di una femmina di circa 50-70 chili ed era destinata al centro di recupero per animali selvatici di Vanzago, ma è deceduta durante il trasporto.

Il primo avvistamento del cinghiale risale allo scorso 4 agosto quando l’animale era stato fotografato mentre nuotava all’interno della Darsena, una delle zone più frequentate dalla movida milanese. In quell’occasione, erano state impiegate quattro squadre dei vigili del fuoco per cercare di recuperare l’animale, ma senza successo. Secondo quanto è stato ricostruito, la bestia si era rifugiata nei condotti fognari che seguono il fiume Olona.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

La cultura dell’equilibrio contro l’eccesso: le montagne possono insegnarci molto

next
Articolo Successivo

Rigassificatori, Ravenna sbandiera la passione per il gas ma senza il sostegno dei cittadini

next