Agli studenti e lavoratori fuorisede conviene prepararsi a vivere con un coinquilino. L’ultimo rapporto di Immobiliare.it evidenzia infatti come i prezzi delle stanze singole siano aumentati di 11 punti percentuali rispetto al 2021, mentre un posto letto in doppia costa il 9% in meno (234 euro). Dalla ricerca emerge ancora una volta il primato di Milano come città più cara d’Italia: il prezzo di una singola arriva a toccare in media quota 620 euro, in rialzo del 20% rispetto allo scorso anno e dell’8,2% rispetto al periodo pre-pandemia. Buone notizie ovviamente per i proprietari: la domanda continua a crescere e segna un +45% per le singole e un +41% per le doppie rispetto al 2021, mentre lo stock di case disponibili sul mercato si riduce.

La classifica delle città con gli affitti più cari – Milano occupa il gradino più alto del podio. Qui per permettersi una stanza singola è necessario appunto disporre di almeno 620 euro e per una doppia ne servono circa la metà (321). È significativa la differenza rispetto a Roma, seconda classificata: a separarle sono più di 150 euro. Nella capitale, infatti, per una singola si pagano in media 465 euro, mentre ne servono 248 per una doppia. Seguono poi Padova e Firenze, dove per affittare una singola c’è bisogno di poco più di 450 euro. Sempre sopra i 400 euro c’è Bologna, che si trova in quinta posizione con 447 euro. Tra le città universitarie che invece offrono una camera tutta per sé sotto la soglia dei 400 ci sono Torino e Venezia, entrambe attorno ai 360 euro, e Napoli, dove la spesa si ferma a 337 euro. Con poche eccezioni si può notare come i prezzi delle stanze siano in sensibile rialzo rispetto al 2021: le variazioni più consistenti si registrano a Padova, che segna un +40%, e a Milano e Firenze, che invece si aggirano intorno al +20%. Aumenti importanti anche a Bologna, +16,7%, e a Modena, +12,6%. In particolare, quest’ultima ha conosciuto una crescita nei prezzi del 28,6% in confronto al il periodo precedente allo scoppio della pandemia. In controtendenza rispetto al generale aumento delle locazioni solo Pescara (-19,4%) e Catanzaro (-10,6%), che tuttavia rispetto al 2019 guadagna 16,4 punti percentuali.

Il caso Venezia – La città lagunare, sede di importanti poli universitari come Ca’ Foscari e Iuav, registra il più significativo incremento dell’interesse nell’ultimo anno. Nel 2022, infatti, la domanda ha segnato un +373,2% rispetto al dato del 2021, con un’offerta che invece ha registrato un -26%. La conseguenza è stata un aumento dei prezzi, dopo la flessione degli anni della pandemia, saliti di oltre 10 punti percentuali e che hanno raggiunto i 360 euro. In quasi tutti i principali poli universitari, con qualche eccezione, c’è stato un consistente aumento della richiesta rispetto al 2021. Oltre a Venezia, dove l’interesse ha conosciuto un incremento di quasi 4 volte, i volumi della domanda sono raddoppiati anche Napoli (+118%) e Latina (+102,2%). Molto attrattivi anche i centri di Palermo (+97,2%) e Novara (+93,4%). In netta controtendenza, invece, ci sono città come Ancona (-34,4%), Trieste (-27,7%) e Genova (-22%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Nulla contro il Pos, anzi. Ma oltre al cliente andrebbe incentivato anche il commerciante

next
Articolo Successivo

Russia, incassi dalla vendita di petrolio e gas previsti in aumento del 38% nel 2022 grazie al boom dei prezzi e alle richieste dall’Asia

next