Dopo aver fatto cadere il governo Draghi, ora Silvio Berlusconi riscrive la storia e sostiene: “Avrei preferito continuasse fino alla scadenza naturale della legislatura”. A un mese di distanza dalla fine dell’esecutivo, prima in un’intervista a Libero e poi parlando a Politico.eu il leader di Forza Italia rilancia la sua personale narrazione parallela di quanto accaduto a metà luglio tra Montecitorio e Palazzo Madama. Nessun accenno alle responsabilità del centrodestra, con la Lega che ancora prima aveva già attaccato il premier Mario Draghi su taxi e balneari. Improvvisamente dimenticata la realtà: il 20 luglio al Senato Forza Italia e Carroccio uscirono dall’Aula, non votando la fiducia a Draghi e sancendo la caduta del governo.

“Il rischio di astensionismo è molto alto. Questa è una delle ragioni – non la più importante, naturalmente – per le quali avremmo preferito che il governo Draghi potesse continuare fino alla fine naturale della legislatura, e si andasse a votare nella primavera del 2023“, sostiene Berlusconi in una intervista a Politico.Eu. Sostanzialmente lo stesso concetto ribadito 24 ore prima a Libero, addossando tutte le responsabilità al Movimento 5 stelle. Questa volta l’ex premier va oltre: proseguire con Draghi “non è stato possibile, per il comportamento irresponsabile dei Cinquestelle e per le manovre ambigue del Partito democratico“.

La colpa della caduta del governo quindi sarebbe di M5s e Pd. Eppure il Partito democratico è stato l’unico a votare la fiducia a Draghi. Il M5s è rimasto in Aula a Palazzo Madama, scegliendo la formula “presente non votante”. I senatori di Berlusconi e di Matteo Salvini invece sono usciti dall’Aula, mettendo la parola fine a ogni spiraglio di trattativa. Giuseppe Conte aveva infatti manifestato l’intenzione di dare un “appoggio esterno” al governo: un’opzione, rifiutata dallo stesso Draghi, che però era stata subito scartata dal centrodestra, seppure avrebbe garantito la continuità dell’esecutivo. Per Berlusconi però è stata colpa di M5s e Pd: “Quindi non è rimasta altra soluzione che ridare la parola al popolo sovrano, cosa che in un paese libero costituisce l’essenza della democrazia e quindi non è mai un male”, conclude.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni 2022, Bassetti: “Non mi candido. Volevo fare il tecnico ma mi hanno sparato addosso”

next
Articolo Successivo

M5s, Salvatore Borsellino e l’endorsement per Scarpinato: “Non sapevo chi votare. La sua candidatura cambia tutto, scelta coraggiosa”

next